Meret, le mani del futuro

La rinascita dopo l’infortunio Lo scorso luglio, il Napoli ha acquistato Alex Meret, un giovane di belle speranze cresciuto nelle giovanili dell’Udinese e proveniente dall’esperienza alla Spal. La sua avventura in azzurro, però, parte male: è iniziato da poco il ritiro pre-campionato di Dimaro-Folgarida quando, durante un allenamento, Meret si infortuna al braccio sinistro riportando la frattura […]

La rinascita dopo l’infortunio

Lo scorso luglio, il Napoli ha acquistato Alex Meret, un giovane di belle speranze cresciuto nelle giovanili dell’Udinese e proveniente dall’esperienza alla Spal. La sua avventura in azzurro, però, parte male: è iniziato da poco il ritiro pre-campionato di Dimaro-Folgarida quando, durante un allenamento, Meret si infortuna al braccio sinistro riportando la frattura dell’ulna.

Da lì è partito tutto il lungo iter verso la guarigione, ma nel frattempo c’era il portiere colombiano Ospina a difendere i pali della porta del Napoli. L’8 dicembre, nel giorno dell’Immacolata, il portierino azzurro esordisce in campionato con la maglia partenopea nel match vinto dagli azzurri contro il Frosinone per 4-0 alla quindicesima giornata. Da lì in poi le sue prestazioni sono andate in crescendo. L’unica macchia è rappresentata da quel cartellino rosso che si è visto sventolare in faccia nel match casalingo contro la Juventus (anche se, ad onor del vero, Meret sembra non commettere fallo su Ronaldo).
Per esordire in Europa è bastato un paio di mesi in più, in quel match del 14 febbraio quando il Napoli espugnò Zurigo mettendo in cassaforte la qualificazione agli ottavi. A distanza di due settimane, Meret ha impresso un’impronta fondamentale sul successo nell’andata degli ottavi di finale di Europa League: contro il Salisburgo, l’ex Spal ha tirato fuori gli artigli, ha iniziato a ruggire spaventando gli avversari che, pur presentando a tu per tu con lui, non sono riusciti a varcare la linea bianca tra i due pali della porta. E questo fa ben sperare per il futuro vista la giovane età.
A Napoli sono passati tanti portieri importanti come Zoff, Castellini, Taglialatela, Reina e Garella, ma possiamo affermare con certezza che Alex Meret rappresenta il presente ma anche il futuro di questo club che, per i prossimi 15 anni almeno potrebbe non aver bisogno di guardare al mercato dei portieri.

a cura di Michele Avitabile

RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ULTIME NOTIZIE

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV