6177B8AD 1EC1 4DAD 93AB 8B9A01EAFFD3

Marotta:(Salerno): “Gli interessi economici avranno la meglio nel calcio”

Abbiamo sentito il collega di TvOggi Salerno, Eugenio Marotta, durante la puntata de “Il Pungiglione Stabiese”. Queste le opinioni del collega salernitano sul periodo che sta attraversando il nostro paese:

”A Salerno, così come in tutta Italia, stiamo vivendo una situazione difficile. Questa pandemia sarà ricordata nei libri di storia e mi auguro di superare presto questo evento nefasto. Ogni giorno ci sono bollettini di guerra e questo fa male. Forse non ci stiamo rendendo conto di quello che sta accadendo, si parla dei morti come numeri e non come persone. Io sono realista e a mio avviso non si dovrebbe ricominciare con questo problema mondiale ma, purtroppo, credo che gli interessi economici saranno messi al primo posto e si ricomincerà.

Ognuno sta pensando ai propri interessi e non al benessere collettivo. A Salerno come in tutta Italia vive l’incertezza. Non si tiene conto di quel che sta succedendo ma si pensa solo ai soldi, con i giocatori che non vogliono tagliarsi gli stipendi e con le società che vogliono tornare in campo per non perdere introiti.

Dal punto di vista calcistico posso dire che non ci sono grossi rammarichi per la Salernitana. La squadra, per me, non era da secondo posto ma comunque poteva dire la sua nei play off. Poi é chiaro che il calcio é strano e poteva accadere di tutto. Nei play off poteva essere decisivo pure il pubblico di Salerno, sempre molto caloroso. Credo che per il secondo posto sia un discorso tra Frosinone e Crotone mentre nei play off é molto temibile anche l’Empoli che ha preso giocatori fortissimi e un allenatore molto preparato.

Si dovranno trovare le giuste soluzioni per far ripartire la macchina del calcio e per non falsare i prossimi campionati. Ci saranno delle agevolazioni per tutti e la speranza é che non ci siano i soliti furbetti ad approfittarne. Quel che é certo, per me, é che qualsiasi sia la decisione che verrà presa ci saranno tanti ricorsi e ci saranno tanti scontenti.”