Francesco Ripa Juve Stabia
Francesco Ripa Juve Stabia

Juve Stabia | Ripa: “Prometto di dare il 100% in campo come sempre”

Francesco Ripa, attaccante della Juve Stabia, è intervenuto in conferenza stampa al termine del match pareggiato 1-1 con la Paganese

Juve Stabia | Ripa: “Prometto di dare il 100% in campo come sempre”

 

Francesco Ripa, attaccante della Juve Stabia, è intervenuto in conferenza stampa al termine del match pareggiato contro la Paganese 1-1 per effetto delle reti siglate da Romero, mentre per la Paganese in goal Mendicino

Le sue dichiarazioni sono state raccolte e sintetizzate dalla redazione di ViViCentro.it

 

“Sicuramente mi manca la condizione, ma con gli allenamenti e la voglia, recupererò velocemente. Ai tifosi prometto di dare il cento per cento come ho sempre fatto poi i gol e le prestazioni sono la conseguenza.

In squadra ci sono degli ottimi attaccanti come Bubas e Romero, oggi lo hanno dimostrato, sicuramente mi metterò a disposizione della squadra e del gruppo, cercherò di dare dei consigli. Siamo una buona squadra, molti calciatori vengono da altri gironi e devono capire che nel girone C c’è bisogno in ogni partita di cattiveria e agonismo, e quindi dobbiamo migliorare un pò su questo.

Nel primo tempo tempo abbiamo avuto poca cattiveria poi nel secondo tempo siamo entrati con un piglio diverso, li abbiamo messi sotto, siamo stati sfortunati con il palo a fine partita però i derby sono così e le partite in C sono così, dobbiamo riscattarci nella prossima partita.

Quando si fa un matrimonio si deve essere d’accordo entrambi. Quando sono andato via sono rimasto sempre un tifoso delle Vespe, ero contento quando è stato vinto il campionato perchè c’erano molti miei amici, partendo dal mister Fabio Caserta. Mi dispiace per l’anno scorso perchè dopo tanti sacrifici retrocedere in quel modo è brutto.

Senza pubblico è veramente brutto, soprattutto a Castellammare dove i tifosi ti danno quella spinta in più. In questo secondo esordio ero emozionato molto più della mia prima volta”. 

 

a cura di Giuseppe Rapesta

Ascolta la WebRadio