Campania, secondo Legambiente il 57% delle scuole ha bisogno urgente di manutenzione

Il 90% si trova in aree a rischio sismico Dato preoccupante e allarmante quello diffuso da Legambiente Campania, secondo cui il 57% delle scuole avrebbe un’urgente necessità di manutenzione ed il 90% delle scuole costruite sul territorio campano si trova in aree a rischio sismico ma soltanto il 19,8% degli edifici sono costruiti con criteri antisismici. Questo è lo […]

Il 90% si trova in aree a rischio sismico

Dato preoccupante e allarmante quello diffuso da Legambiente Campania, secondo cui il 57% delle scuole avrebbe un’urgente necessità di manutenzione ed il 90% delle scuole costruite sul territorio campano si trova in aree a rischio sismico ma soltanto il 19,8% degli edifici sono costruiti con criteri antisismici.

Questo è lo stato di salute degli edifici scolastici in Campania, a ridosso dell’avvio dell’anno scolastico, fotografato da Legambiente che fornisce gli ultimi dati disponibili sull’edilizia scolastica, riferiti al 2017. Solo 2 edifici su 10 sono stati oggetti di indagine sui solai. In Campania il 90,5% degli edifici si trova in aree a rischio sismico, ma ancora solo 2 su 10 sono stati costruiti secondo criteri antisismici e solo nel 28,5% degli edifici è stata eseguita la verifica di vulnerabilità sismica. Un patrimonio edilizio «vecchio», per Legambiente, se si considera che il 61,2% risulta edificato antecedentemente all’entrata in vigore della normativa antisismica del 1974, e che vede più di un edificio su due (57,6%) necessitare di interventi urgenti di manutenzione. Il dato sull’esigenza di manutenzione, secondo Legambiente, è dovuto presumibilmente anche ai pochi investimenti che i Comuni hanno sostenuto sia per la manutenzione ordinaria che straordinaria. Si parla infatti di una media per edificio di 2.123 euro, a fronte dei 21.836 euro del dato nazionale, per la manutenzione straordinaria, e di euro 1.335 per manutenzione ordinaria contro i 7.170 della media nazionale. Risultano «deficitarie» le indagini diagnostiche sui solai: solo il 2,1% degli edifici sono stati oggetto di controlli, il 7,2% ha beneficiato di interventi di messa in sicurezza dei solai nel 2016. Buoni i dati sulle certificazioni, quelle relative a collaudo statico (97%), agibilità (94,9%), certificazione igienico sanitaria (100%), prevenzione incendi (62%), impianti elettrici a norma (94,3%).

Francesca Ferro, direttore di Legambiente Campania, ha commentato questi dati: “Sicurezza e sostenibilità sono le parole chiave per progettare il futuro del cantiere scuola, gli obiettivi cui puntare per garantire la qualità e la vivibilità necessaria a favorire processi di formazione moderni in edifici sicuri. Il primo passo è cercare di conoscere questo patrimonio, lo stato in cui versa e i finanziamenti utili alla messa in sicurezza delle scuole. La vera sfida consiste nel promuovere un grande cantiere di innovazione dove convogliare idee e risorse per progettare e realizzare spazi adatti a una moderna didattica, sicuri e accoglienti, sostenibili. L’impegno deve essere quello di garantire il diritto ad avere scuole di qualità a tutte le ragazze e i ragazzi. Occorre quindi fissare obiettivi ambiziosi anche nella riqualificazione del patrimonio edilizio esistente, invece di continuare con interventi parziali di miglioramento. Su questi temi il 18 ottobre a Napoli abbiamo convocato il primo forum nazionale su processi e strumenti per la sicurezza e qualità degli edifici scolastici, che si terrà nell’Isis Casanova di Napoli”.

Commenta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ULTIME NOTIZIE

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV