24.9 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

venerdì, Luglio 1, 2022

2 giugno 1946: la scelta repubblicana dopo il ventennio della dittatura fascista

Il 2 giugno 1946: gli Italiani votano a suffragio universale e fanno la scelta repubblicana dopo il ventennio di dittatura fascista

Da leggere

Carmelo Toscanohttp://www.vivicentro.it
Siciliano delle pendici meridionali dell'Etna, da decenni lavora come medico nella Bassa bresciana

Dopo il travagliato e doloroso ventennio fascista, cha ha portato guerra e lacerazioni sociali, l’Italia vive gli anni della Resistenza. Vissuta come lotta allo straniero invasore e come riscatto dalla dittatura cinica e soffocatrice delle libertà democratiche.

Il 2 giugno 1946: gli Italiani votano a suffragio universale e fanno la scelta repubblicana. Una data che segna la nascita della Repubblica e l’elezione dell’Assemblea Costituente.

Attraverso la Costituente, il popolo sovrano si dava i principi e le regole attuative della democrazia, che nella Costituzione repubblicana hanno trovato la propria stella polare. La carta costituzionale fu un patto, sottoscritto da uomini e donne di tutte le provenienze politiche e con idee completamente diverse ma, tuttavia, capaci di superare ogni divisione e ogni conflittualità. Essa ancora oggi è un prezioso patrimonio di valori che abbiamo il dovere di custodire e difendere.

I Padri costituenti si premurarono di istituire una salutare separazione dei poteri dello Stato. Ma soprattutto di prevedere un sistema di pesi e contrappesi che potesse bilanciare il libero gioco democratico. Senza potenziali sopraffazioni o ingiustizie del potere verso i cittadini. Che con la repubblica diventano cittadini attivi e non sudditi passivi.

Oggi noi che festeggiamo i 76 anni della nostra Repubblica, siamo ancora consapevoli ed orgogliosi dei valori repubblicani?

Il 2 giugno è un giorno di festa infrasettimanale per approfittare di un lungo ponte di vacanza o una preziosa opportunità per riflettere e ripensare al nostro essere cittadini italiani?

A noi sembra che la democrazia e la libertà siano valori ormai definitivamente acquisiti. E quindi non negoziabili.

L’aggressione della Federazione Russa contro l’Ucraina, ci ricorda drammaticamente che la libertà e l’indipendenza non sono beni duraturi e per sempre. Occorre sempre vigilanza democratica.

Come vigilanza democratica occorre anche nella dialettica politica domestica. Oggi ci sono molti pifferai che blaterano sulla crisi della democrazia rappresentativa e parlamentare. E sui suoi tempi che vengono vissuti come inutili lungaggini decisionali. Quindi si accreditano come potenziali salvatori della patria chiedendo “pieni poteri”. O vagheggiando derive monocratiche con l’elezione diretta del Presidente della Repubblica.

La democrazia autentica sarebbe in pericolo, perché resterebbe solo apparente. Mentre il gioco democratico sarebbe semplicemente sterilizzato e reso infecondo.

Il nostro è un paese di cultura cattolica abituato al “miracolo” dell’uomo forte, dell’uomo della provvidenza che pensa per tutti. E decide per tutti.

Il travaglio della politica italiana di questi anni alimenta delusioni e disaffezione dalla salutare dialettica politica. Ed il culto del “Capo” solletica molti scontenti. Perché noi i santi protettori li cerchiamo sia in cielo ma anche in terra. Molto più prosaicamente e realisticamente.

In questo torbido brodo di coltura i reazionari di diversa estrazione ci nuotano e ci tramano. Facendosi chiamare anche sovranisti o patrioti. Il risultato sarebbe sempre lo stesso: fine della libera dialettica democratica. Che è, e deve restare, il sale della Democrazia.

Dio salvi l’Italia !

Viva la Repubblica!

2 giugno 1946: la scelta repubblicana dopo la dittatura fascista // Carmelo TOSCANO/ Redazione Lombardia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy