Inter 1-0 Atalanta, pagelle: Handanovic salva, Skriniar decide

Inter pagelle

 

SERIE A – Vince l’Inter contro l’Atalanta nel posticipo della 26esima giornata di Serie A. È di Skriniar il gol che decide la partita. Ma chi sono i migliori e i peggiori del match di San Siro?

Finisce 1-0 per l’Inter il posticipo della 26esima giornata di Serie A contro l’Atalanta. I padroni di casa soffrono per lunghi tratti della partita, ma riescono a spuntarla grazie al gol di Skriniar nel secondo tempo. Chi sono i migliori e i peggiori della sfida di San Siro?

Inter

Handanovic 6,5: subisce solo due reti nelle ultime 5 partite, il portiere dell’Inter ci mette una pezza anche in questa sfida. Lo fa con un intervento super sul colpo di testa di Zapata nel primo tempo

Skriniar 7,5: nel primo tempo, difensivamente, è perfetto. Non sbaglia un colpo su Pessina, che si eclissa dopo poco. Nel secondo tempo, invece, oltre a difendere come nel primo, trova anche l’occasione giusta per segnare il suo terzo gol in campionato.

De Vrij 7: altra grandissima prestazione del centrale olandese. Qualche difficoltà contro la fisicità di Zapata, ma annulla completamente Muriel.

Bastoni 6,5: qualche errore dietro, dove deve rimediare Perisic, ma davanti illumina sempre la via con lanci millimetrici di 50 metri.

Hakimi 6: si fa vedere di più avanti, soprattutto nel primo tempo, ma con poca pericolosità. Nel secondo tempo arretra con il passare dei minuti e non commette errori particolari. (dall’83’ Darmian SV)

Barella 6: costretto a una fase difensiva più intensa, trova pochissimo spazio per le sue solite incursioni. La grinta, però, c’è sempre.

Brozovic 6,5: bene anche oggi il croato, che gestisce bene i ritmi e fa il suo solito lavoro di interdizione. Resta più sul difensivo, come chiesto dall’allenatore per frenare la spinta dell’Atalanta. (dal 76′ Gagliardini SV)

Vidal 5,5: spaesato, lento, macchinoso, rischia più volte di regalare palla agli avversari in disimpegno. Torna titolare dopo qualche partita da panchinaro, ma non convince. (dal 54′ Eriksen 6,5: dà una grandissima mano dietro per difendere il risultato. Recupera e spazza una quantità infinita di palloni. Giocatore utilissimo.)

Perisic 6,5: bene nel primo tempo, quando le sue progressioni si sono trasformate in cross. Nella ripresa, al vantaggio nerazzurro, si piazza saldamente sul versante basso, difendendo a oltranza assieme a Bastoni. (dall’83’ D’Ambrosio SV)

Lautaro 5,5: prestazione così così per l’argentino dell’Inter. Nel primo tempo è in difficoltà, Romero lo chiude bene, mentre nel secondo un po’ meglio. (dal 76′ Sanchez SV)

Lukaku 5,5: in calo rispetto alle ultime uscite, nonostante un ottimo lavoro di copertura della palla per tutti i novanta minuti. Perde il duello con Djimsiti che lo blocca del tutto, lasciandogli pochi spazzi per graffiare.

All. Conte 7: non è la miglior Inter, a livello di gioco, della stagione, anzi forse è una delle più brutte, ma una difesa tenace e il saper sfruttare le situazioni permettono ai suoi di fare uno step in più verso lo scudetto.

Atalanta

Sportiello 6: non ha colpe sul gol di Skriniar; gli attaccanti dell’Inter non gli causano grossi problemi.

Toloi 6: partita rocciosa per il difensore dell’Atalanta nel primo tempo; nel secondo, invece, cala vistosamente.

Romero 6,5: chiude bene gli spazi, ha il compito di aiutare Djimsiti su Lukaku; nel secondo tempo compie un intervento che salva il risultato proprio sul belga dell’Inter.

Djimsiti 7: un bellissimo duello con Lukaku, che lo vede vittorioso nel primo tempo con un grande doppio intervento. Quando il belga dell’Inter prova a cambiare passo lui si fa trovare pronto. (dal 81′ Palomino SV)

Maehle 6: costantemente in proiezione offensiva, produce la maggior parte dei cross della squadra bergamasca. Nessuno di questi, però, si rivela interessante.

De Roon 6,5: ha il compito di schermare Brozovic e di dare equilibrio al centrocampo dell’Atalanta. Riesce bene nel suo lavoro.

Freuler 6: spinge molto quando il suo avversario è Vidal, rischiando più volte di “scippare” la palla al cileno. Va, invece, in difficoltà all’ingresso in campo di Eriksen. (dall’81’ Pasalic SV)

Gosens 5,5: ci si aspettava scintille contro Hakimi, ma i due, invece, si annullano a vicenda.

Pessina 5,5: alterna buone giocate a piccoli errori. Prova a sfondare ma trova sulla sua strada un’invalicabile Skriniar. (dal 72′ Miranchuk 6: poco meno di venti minuti in campo in cui non riesce ad incidere.)

Malinovskiy 6: combatte molto a centrocampo e fa superiorità numerica. Pecca di qualità e, infatti, viene sostituito da Ilicic. (dal 46′ Ilicic 5,5: nei primi minuti incrementa la qualità del gioco bergamasco, ma con il passare dei minuti si eclissa dalla gara.)

Zapata 6: il più pericoloso dei suoi al momento dell’uscita dal campo. Nel primo tempo Handanovic gli nega il gol con un grande intervento. (dal 69′ Muriel 6: entra e subito ha un’occasione tra i piedi, ma Handanovic para.)

All. Gasperini 6: meno aggressiva del solito, la sua Atalanta riesce comunque a dominare contro la capolista del campionato. L’infortunio di Zapata di certo non aiuta nel forcing finale contro una difesa dell’Inter pressocché insuperabile.

A cura di Claudio Savino