Quantcast

strada allagata castellammare di stabia
Senza categoria Sud - politica

Castellammare, LeU: “Torna l’ondata di maltempo e con essa i disagi per la città”

Con il maltempo Castellammare ritorna ad essere una città sommersa
Castellammare di Stabia, due giorni di maltempo e in città si ripresentano i vecchi disagi. Nemmeno il tempo di riprendersi dall’allerta meteo di lunedì 29 ottobre, che la città oggi si ritrova ad essere sommersa dalla pioggia, come se ci trovassimo a Venezia. Il coordinamento cittadino di Liberi e Uguali, al riguardo ha detto la sua. Ecco il pensiero riportato in comunicato stampa a noi inviato:
L’ ondata di maltempo che sta investendo l’ Italia ci consegna il quadro di un Paese profondamente cambiato e inadeguato rispetto ai mutamenti che sta subendo. Sarebbe dunque sbagliato se episodi climatici come quelli di questa giornata venissero trattati come fatti di natura straordinaria. Siamo di fronte al ripetersi di eventi che con una certa ciclicità tornano a manifestarsi in tutta la loro drammaticità.

Stesso discorso vale per la nostra città, di cui tutti conosciamo debolezze, fragilità, lentezze. Il problema degli allagamenti é tornato a manifestarsi con forza. Dal centro alle periferie, Castellammare é quasi completamente sommersa. Notevoli i disagi che ne sono scaturiti. Non è possibile camminare a piedi e diverse strade, nevralgiche per la circolazione veicolare, sono intransitabili anche con le auto. La città è paralizzata e, con essa, i cittadini.

Altro fatto è il peso enorme che, su questa precarietà, esercita la mancata attuazione di forme di manutenzione e prevenzione. Castellammare, dal centro alle periferie, andrebbe salvaguardata e tutelata. E dunque sorge spontanea una domanda: “come ci si é attrezzati per rispondere a queste urgenze ?” Noi avvertiamo che, rispetto a queste necessità, non sia stato ancora messo in campo, da parte dell’amministrazione, un tentativo di programmazione e prevenzione. Questo, soprattutto, a fronte di un contratto stipulato con Am tecnology – che ci costa 100 milioni in 7 anni – che prevederebbe la pulizia e la manutenzione delle caditoie. Chi sta vigilando affinché il contratto venga rispettato?

Al di là della contrapposizione politica, è urgente che si mettano in campo tutti gli sforzi  necessari per evitare il ripetersi di eventi tragici che tutti noi vogliamo assolutamente scongiurare.
Pensiamo, ad esempio, al grosso pericolo che incombe sul centro antico, rispetto al quale urge che venga condotto un attento monitoraggio della zona collinare oltre alla costante pulizia di vasche e canali. Il nostro é un territorio troppo fragile che non può permettersi ulteriori ritardi e negligenze.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Vincenza Lourdes Varone

Diplomata al Liceo Classico "Plinio Seniore", successivamente laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali presso l'Università degli studi di Napoli, l'Orientale. Attualmente iscritta al corso di Studi Internazionali presso la stessa università, per il conseguimento della Laurea Magistrale.

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania