Sud - cronaca

Napoli, lettera aperta delle guardie giurate:”Troppe aggressioni, non vogliamo altri morti”

Nella giornata di oggi, l’Associazione Nazionale Guardie Particolari Giurate ha pubblicato una lettera aperta per denunciare l’ondata di violenza che ha coinvolto i vigilantes di Napoli negli ultimi mesi

«Negli ultimi mesi (a Napoli ndr) una guardia giurata è stata uccisa ed ora un’altra è in coma, due episodi gravissimi a cui si aggiunge la frequenza quotidiana di aggressioni fisiche e verbali a cui siamo sottoposti. I dati raccolti dall’inizio del 2018, rendicontano anche una maggiore frequenza di tentativi di furti delle pistole di ordinanza in forza ai vigilantes che spesso e volentieri, si ritrovano a lavorare da soli».
Inizia così la lettera aperta, ma implicitamente indirizzata al Ministero degli Interni e al Questore di Napoli, pubblicata dall’Associazione Nazionale Guardie Particolari Giurate che oggi ha voluto esprimere vicinanza ai familiari del vigilantes ricoverato da ieri e in coma al Cardarelli in seguito ad un’aggressione.
I vigilantes, attraverso l’appello, hanno voluto denunciare il vuoto di tutele professionali con i numerosi rischi a cui sono esposti i lavoratori : «La nostra categoria professionale, quella della vigilanza privata che fa da sorella minore alle forze dell’ordine per salario, tutele ma non rischi, è in piena emergenza- sottolinea Giuseppe Alviti, presidente dell’Associazione Nazionale Guardie Particolari Giurate – Esprimiamo solidarietà e vicinanza alla famiglia del collega, un lavoratore dei servizi fiduciari non armati in appalto al portierato del Consiglio Regionale, che è ricoverato in Rianimazione al Cardarelli e, ancora una volta, gridiamo la necessità di ascoltare le nostre richieste».
Nella lettera si fa riferimento a «contratti e condizioni di lavoro che possono mettere in seria discussione il senso stesso dell’attività di tutela e vigilanza».
«Non sono chiare le circostanze dell’aggressione avvenuta ai danni del collega che sta lottando tra l avita e la morte- conclude Alviti – ma il nostro appello va alla più alta carica istituzionale del governo in ambito di sicurezza, al Ministro degli Interni e a chi la incarna in città, il Questore di Napoli a cui chiediamo un incontro per aiutarci nella faticosa opera di tutela della nostra categoria, prima che si debba contare un nuovo morto».

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania