Quantcast

Sud - cronaca

Campania, arenili inondati da plastica: gli allarmanti dati di Legambiente

Dati allarmanti da Legambiente: in Campania arenili sommersi da rifiuti, 7 ogni metro di spiaggia. A Portici, Castellammare e Pozzuoli i dati peggiori

Lo stato di incuria e abbandono delle spiagge campane supera la media nazionale. Questo è quanto emerge dall’indagine Beach Litter 2018 effettuata da Legambiente.
Ad allarmare è soprattutto il dato relativo ai rifiuti abbandonati sui litorali: sette rifiuti ogni metro di spiaggia, quelli che incrociamo passeggiando sull’arenile delle coste della Campania. Ad essere presi in considerazione ai fini dello studio ci sono anche i rifiuti spiaggiati, o gettati consapevolmente, di ogni forma, genere, dimensione e colore come bottiglie, mozziconi di sigarette, cotton fioc, stoviglie usa e getta. Tutti rifiuti gettati consapevolmente o che provengono direttamente dagli scarichi non depurati, dall’abitudine di utilizzare i wc come una pattumiera e soprattutto dalla cattiva gestione dei rifiuti a terra.

Numeri da capogiro: sono 22 le spiagge sottoposte all’indagine, per un totale di 78mila metri quadrati, rilevando una media di 691 rifiuti ogni 100 metri lineari di spiaggia per un totale di 15.201 rifiuti.

Queste sono le spiagge sottoposte all’indagine: quella di Largo Patria a Castel Volturno (CE); quella alla foce del fiume Tusciano a Battipaglia (SA); quella della Monachella a Pozzuoli (NA); l’Arenile a Castellammare di Stabia (NA); quella di Mezzatorre a San Mauro Cilento (SA); quella di Magazzeno a Pontecagnano Faiano (SA); le spiagge di Baia Trentova; Vallone e Torre San Marco ad Agropoli (SA); quella di Grotta della Cala di Camerota (SA). La spiaggia delle saline di Centola (SA); quella di Pioppi di Pollica (SA); quella di Dominella a Casal Velino (SA); quella di Agnone C.to di Montecorice (SA); di piana di Veila di Ascea (SA); di Cava dell’Isola di Forio (NA); di Lido Mappatella al Lungomare Caracciolo di Napoli; la spiaggia del lungomare Tafuri di Salerno; di Mortella a Portici (NA); di Ponte della Gatta di Torre del Greco (NA) e alle Oasi Dunale di Capaccio Paestum (SA) e di Eboli (SA).

La situazione peggiore è stata rilevata sulla spiaggia di Mortelle di Portici (Na). Lì sono stati rinvenuti circa 2.220 rifiuti in 100 metri, di cui il 54% riguarda materiale in plastica.
Sale sul podio anche l’Arenile di Castellammare di Stabia con 1.872 rifiuti in 100 metri di spiaggia, di cui 64% dei rifiuti monitorati è plastica.
Terzo posto per la spiaggia Monachelle di Pozzuoli: in 100 metri di spiaggia sono stati rinvenuti 1.424 rifiuti, di cui il 87 % rappresentato da plastica. Le spiagge campane virtuose con meno rifiuti ritrovati si trovano nel Cilento: la spiaggia di Piano di Velia di Ascea con 39 rifiuti in 100 metri e Grotta della Cala di Camerota con 42 rifiuti in 100 metri di spiaggia.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania