Assegnati 50 milioni di euro del PNRR: povertà educativa al Sud

Assegnati 50 milioni di euro del PNRR a progetti presentati da enti del Terzo Settore. Entro l’autunno un nuovo bando. Finanziati 220 interventi contro la povertà educativa al Sud. #pnr #povertà #educativa #sud #assegnati

Assegnati 50 milioni di euro del PNRR: povertà educativa al Sud

Sono 220 i progetti promossi da enti del Terzo Settore finanziati grazie a 50 milioni di euro messi a disposizione dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, nell’ambito della Missione 5 – Componente 3 – Investimento 3, per combattere la povertà educativa nelle regioni meridionali.

L’investimento complessivo previsto dal PNRR è pari a 220 milioni di euro. Dopo i primi 10 milioni assegnati attraverso lo scorrimento della graduatoria di un intervento già in essere e i 50 milioni attribuiti con il provvedimento pubblicato oggi dall’Agenzia per la Coesione territoriale, rimangono a disposizione ulteriori 160 milioni di euro che verranno attribuiti con nuovi bandi a cadenza annuale. Il prossimo sarà pubblicato già entro questo autunno.

Questo primo avviso ha visto un’ampia partecipazione: sono state ben 661 le proposte progettuali presentate e 261 quelle dichiarate idonee dall’apposita commissione. Di queste, le risorse disponibili hanno consentito di finanziarne 220, così distribuite nelle singole regioni:

Regione N° proposte finanziate Importo complessivo
Abruzzo 12 2.604.846,37 €
Basilicata 11 2.626.466,51 €
Calabria 24 5.085.749,39 €
Campania 71 16.391.837,05 €
Molise 4 886.187,40 €
Puglia 32 7.063.136,63 €
Sardegna 11 2.483.369,46 €
Sicilia 55 12.815.017,35 €
TOTALE 220 49.956.610,16 €

     

>> Leggi gli elenchi dei progetti ammessi a finanziamento, idonei, non idonei, inammissibili ed esclusi.

I progetti, il cui finanziamento può essere compreso tra i 125.000 euro e i 250.000 euro, possono essere rivolti a tre diverse fasce d’età, con specifici obiettivi.

  • Bambini di età compresa tra 0-6 anni e relative famiglie: ampliare e potenziare i servizi educativi e di cura; migliorare la qualità, l’accesso, la fruibilità, l’integrazione e l’innovazione dei servizi esistenti; rafforzare l’acquisizione di competenze fondamentali per il benessere dei bambini e delle loro famiglie.
  • Fascia 5-10 anni: promuovere il benessere e la crescita armonica dei minori, garantendo efficaci opportunità educative e prevenendo precocemente varie forme di disagio sociale e di povertà educativa, dalla dispersione e abbandono scolastico al bullismo e altri fenomeni di disagio psicologico, legati anche all’appartenenza del minore a comunità a rischio di emarginazione sociale; in questa direzione, si punterà sulla scoperta dei talenti o lo sviluppo di interessi da parte dei minori, intervenendo anche con azioni di accompagnamento e di orientamento psicoattitudinale precoce.
  • Fascia 11-17 anni: contrastare l’abbandono scolastico e il fenomeno dei NEET (Not in education employment and training), promuovendo, da un lato, il miglioramento dell’offerta formativa attraverso l’attivazione di percorsi individualizzati, complementari a quelli tradizionali, utili a conseguire capacità necessarie ai fini dell’inserimento nel mondo del lavoro; dall’altro, prevedendo azioni congiunte ‘dentro e fuori la scuola’ che favoriscano il riavvicinamento dei ragazzi che hanno abbandonato gli studi o che presentano forti rischi di dispersione scolastica e formativa legati anche all’appartenenza del minore a comunità a rischio di emarginazione sociale.

Il soggetto proponente è un ente del Terzo Settore, in partnership con almeno altri due soggetti tra ETS, mondo della scuola, delle istituzioni, degli enti locali, dei sistemi regionali di istruzione e formazione, dell’università e della ricerca. Per quanto riguarda gli interventi riservati alla fascia 11-17 anni, deve essere obbligatoriamente presente tra i partner almeno un soggetto appartenente al sistema regionale dell’istruzione e della formazione tecnico-professionale in possesso dei requisiti per l’accreditamento e/o Istituti Tecnico Superiori.

I finanziamenti assegnati contribuiranno a raggiungere i target fissati dal PNRR, che prevedono di coinvolgere almeno 20.000 minori nei progetti educativi entro giugno 2023 e un totale di almeno 44.000 minori entro giugno 2026.

PER APPROFONDIRE:
>> Il bando PNRR sulla povertà educativa in sintesi

Commenta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV


Ultime Notizie

Fidelis Andria-Juve Stabia 0-1, le pagelle delle Vespe

Fidelis Andria-Juve Stabia 0-1, le pagelle delle Vespe