Economia

In Italia, su 500mila posti in più, 450mila sono di precariato

Precariato - Mezzo milione di dipendenti in più. Solo uno su dieci ha il posto fisso

Come spiega Paolo Baroni su La Stampa, solo un nuovo impiegato su dieci ha il posto fisso e questo contribuisce a fare dell’Italia un Paese di precariato sia pur con mezzo milione di occupati in più.

Mezzo milione di dipendenti in più. Solo uno su dieci ha il posto fisso

A tempo determinato sono 450 mila, gli indeterminati meno di 50 mila. Raddoppiati i contratti stagionali, quelli a somministrazione +22%

Il governo fa partire i suoi conteggi dal 2014, anno primo dell’era Jobs act, e quindi parla di un milione e 29 mila occupati in più con ben 541mila posti a tempo indeterminato. In realtà la fotografia degli ultimi 11 mesi del 2017 è diversa: rispetto al novembre 2016 ci sono infatti 497 mila lavoratori dipendenti in più, ma di questi solo 48 mila sono assunti con contratti permanenti, mentre i restanti 450 mila sono a termine: in un anno sono saliti del 18,3%ed ora valgono il 16% del totale (2,9 milioni contro 14,9). In pratica «10% di permanenti e 90% a termine. Questa la composizione dei nuovi occupati negli ultimi 12 mesi», annota il direttore della Fondazione Adapt, Francesco Seghezzi che segnala come tra settembre e novembre si contino 101mila contratti a termine in più e 16mila indeterminati in meno.

Paura del futuro

Il mercato del lavoro sta cambiando o le imprese non vogliono investire, oppure non hanno fiducia nel futuro e quindi evitano se possibile di attivare rapporti di lavoro stabili? «Qualunque sia l’interpretazione – risponde l’esperto – servono urgentemente politiche attive per gestire le transizioni». Il governo vede ovviamente il bicchiere più pieno che vuoto. E lo stesso fa ovviamente Renzi. I numeri però parlano da soli: da quando si è esaurita la spinta degli incentivi alle nuove assunzioni (che non a caso da quest’anno verranno rilanciati) le tipologie di contratti più precari hanno di gran lunga sopravanzato quelli stabili. E la progressione sembra non arrestarsi anche se come come segnala Seghezzi il mese di novembre è stato certamente influenzato da un effetto stagionale legato alle festività natalizie. Nei dati Paolo Mameli, senior economist della Divisione ricerca di Intesa Sanpaolo legge continuità coi mesi precedenti, ma anche un segnale in controtendenza: la crescita di novembre dei dipendenti a tempo indeterminato (14mila, +0,1%) è infatti «la più pronunciata dallo scorso marzo».

Le ultime statistiche non solo ci consegnano un mercato del lavoro sempre più precario (o più flessibile, dipende dai punti di vista), ma anche la qualità dei nuovi posti creati lascia molto a desiderare. Ad ingrossare le fila di chi ha finalmente trovato un’occupazione sono soprattutto lavoratori inquadrati nelle qualifiche più basse, addetti alle vendite ed ai servizi personali, occupati nelle attività di noleggio, nelle agenzie di viaggio e nelle agenzie immobiliari, nei servizi di supporto alle imprese,nei trasporti e nelle attività di magazzinaggio, come nelle attività legate ai servizi di alloggio e ristorazione. Tutte professioni a cui corrispondono tra l’altro salari modesti e una produttività particolarmente bassa e tra l’altro in prospettiva potrebbero essere in gran parte automatizzabili. Come segnala il sociologo del lavoro Emilio Reynieri stando ai dati dell’ Ocse il nostro, assieme alla Grecia, è l’unico mercato europeo dove la ripresa non si è tradotta in una crescita delle qualifiche più alte (professioni intellettuali, tecnico-scientifiche e dirigenti) più spiccata rispetto a quelle basse. Ad andare per la maggiore sono soprattutto i rapporti di lavoro di tipo stagionale, i contratti a chiamata, che hanno preso il posto dei vecchi voucher (+126% in un anno), ed i contratti di somministrazione (oltre un milione nel 2017, +22%), che consentono alle imprese di prendere in affitto i lavoratori di cui hanno bisogno.

Le altre ombre

Non solo, ma i diversi numeri postivi di novembre, alcuni da record come il totale degli occupati ai massimi dal 1977, nascondono altre ombre. Come spiega anche l’ex ministro del Lavoro Maurizio Sacconi rimaniamo infatti il Paese in Europa col secondo peggiore tasso di occupazione. Poi continua a cedere occupati la fascia di mezzo tra 35 e 49 anni, i più sfortunati visto che non beneficiano di alcun tipo di incentivi, ed aumenta in maniera preoccupante la disoccupazione tra gli over 50 (+7,2%) che scontano la fine degli ammortizzatori sociali.

Il confronto del ‘77

Se poi si guarda indietro di 40 anni, ovviamente tutt’altra situazione economica, altra condizione del mercato del lavoro e altri inquadramenti, il confronto con oggi resta in gran parte impietoso: nel 1977 infatti il tasso di disoccupazione era al 6,4% ed i senza lavoro erano appena 1,34 milioni, il tasso di occupazione maschile era addirittura al 74,6% ma quello delle donne era appena al 33,5%. Anche allora i giovani non se la passavano tanto bene, però i senza lavoro erano appena il 21,7% ovvero 10 punti in meno di oggi.

vivicentro.it/ECONOMIA
vivicentro/In Italia, su 500mila posti in più, 450mila sono di precariato
lastampa/Mezzo milione di dipendenti in più. Solo uno su dieci ha il posto fisso PAOLO BARONI

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania