Cronaca

Salvini bisticcia con Saviano e minaccia: “Valuteremo se togliergli la scorta”

Salvini bisticcia con Saviano (che lo aveva aspramente criticato) e minaccia di nuovo: “Valuteremo se togliergli la scorta”

Dopo i battibecchi social tra Matteo Salvini e Roberto Saviano, il neo Ministro degli Interni lancia una velata minaccia – via tv – al giornalista famoso per il suo impegno nel contrasto alla criminalità organizzata: “Valuteremo se togliergli la scorta. Saranno le istituzioni competenti a valutare se corra qualche rischio, anche perché mi pare che passi molto tempo all’estero.
Valuteranno come si spendono i soldi degli italiani. Gli mando un bacione, mi provoca tenerezza e affetto“, queste le dichiarazioni del ministro dell’Interno Matteo Salvini ad Agorà su Rai Tre.
Sulla questione ius soli posta da Saviano, Salvini ha detto: “Siamo il Paese europeo che sta dando più cittadinanze in assoluto, ma Saviano lo ignora. Allargare ulteriormente la concessione di cittadinanze sarebbe il caos“.
Dichiarazioni, queste di Salvini, a cui però è doveroso far seguire un debunking, dato che l’Italia secondo i dati sarebbe terza, dopo Germania e Svezia nella classifica citata dal ministro.
Salvini non è nuovo in questa minaccia, a dire il vero. Già in passato aveva risposto alle critiche del giornalista promettendogli “ritorsioni”.
Le scorte non assegnano né si tolgono in tv” osserva il predecessore dem Marco Minniti: “Questi dispositivi di sicurezza per la tutela e la protezione delle persone esposte a particolari situazioni di rischio seguono delle procedure rigorose e trasparenti, che coinvolgono vari livelli istituzionali, e sono state rafforzate dopo l’omicidio Biagi“.
Non sono dunque discrezionali. Non dipendono cioè dalle simpatie o antipatie dell’organo politico. Ma vengono decisi dall’Ucis (Ufficio centrale interforze per la Sicurezza personale) che è sì un’articolazione del Dipartimento di Pubblica Sicurezza ma è collegiale e vincolato a criteri precisi.

Minacce inaccettabili per un uomo che ha contribuito a far luce su un sistema criminale pervasivo e pericoloso” attacca il vicepresidente della Camera ed ex capogruppo pd Ettore Rosato. “Salvini continua ad interpretare il ruolo di ministro in modo arrogante e per le sue campagne personali. La scorta a Saviano, come lui stesso raccontó, non è una concessione ma la protezione che lo Stato deve garantire a chi minacciato per avere combattuto mafia e camorra“.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania