Quantcast

Trovato un accordo sul decreto sicurezza
Attualità Politica

Lega e 5 Stelle: trovato un accordo sul decreto sicurezza

Lega e 5 Stelle ritrovano l’intesa: sul decreto sicurezza nessun emendamento. Lunedì, in commissione, la fiducia. Allarme bankitalia: da spread rischi per il debito e per l’economia italiana

Lega e 5 Stelle hanno trovato un accordo sul decreto sicurezza che è uscito dalla Commissione Affari Costituzionali della Camera senza emendamenti per cui ora, il testo su cui il governo ha posto la fiducia, sarà presentato in aula, a Montecitorio, nella versione già approvata dal Senato.

Intanto, per la maggioranza rimane aperto il capitolo Bruxelles e anche quello sui mercati.

In attesa dell’incontro di questa sera tra il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e Jean Claude Junker i mercati continuano a giudicare inadeguate le risposte del governo per far crescere l’economia e, mentre lo spread rimane sopra i 300 punti, anche dalla banca d’Italia arriva un allarme. Un rapporto, quello elaborato dall’istituto di via Nazionale, che prende in considerazione fragilità storiche della nostra economia, come bassa crescita ed alto debito pubblico, unita alle scelte di bilancio dell’attuale governo. I rischi maggiori, fa capire bankitalia derivano dall’andamento dello Spread: un rialzo pronunciato e persistente dei rendimenti, spiega Bankitalia, a parità di tassi di crescita nominale dell’economia, aumenta il rischio che la dinamica del debito si collochi su una traiettoria crescente. Il caro spread, dicono i tecnici della banca d’Italia, oltre ad ingenti vendite da parte degli investitori esteri, come non succedeva dal 2012, ha determinato, negli ultimi sei mesi, un’espansione della spesa per interessi di quasi 1,5 miliardi e costerebbe oltre 5 miliardi nel 2019 e circa 9 nel 2020. Penalizzati in particolar modo il mondo del credito, con effetti amplificati sugli istituti i più piccoli, e il comparto assicurativo e la sua solvibilità. Quanto alla manovra, questa determinerebbe una maggiore crescita rispetto al tendenziale di circa 0,6 punti percentuali nel 2019, ma ciò presuppone moltiplicatore di bilancio piuttosto elevati che però, un altoo Spread, avverte Bankitalia, rischia di vanificare l’impulso espansivo atteso dalla politica di bilancio.

(dati tecnici da ilsole24ore)

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

-

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania