Quantcast
Banner Gori
Cancellazioni fiscali di Trump in 2 indagini sulle frodi a New York
Attualità Cronaca

Cancellazioni fiscali di Trump in 2 indagini sulle frodi a New York

Le cancellazioni fiscali di Trump sono coinvolte in 2 indagini, una penale ed una civile, che sono in corso sulle frodi a New York

Cancellazioni fiscali di Trump in 2 indagini sulle frodi a New York

Le due distinte ed indipendenti indagini, una penale e una civile, sulle frodi dello Stato di New York sul presidente Trump e le sue attività, sono arrivate all’esame delle detrazioni fiscali per milioni di dollari da lui applicate includendo, nelle spese di consulenza, pagamenti che sembrano essere andati a Ivanka Trump.

Le indagini – un’indagine penale del procuratore distrettuale di Manhattan, Cyrus R. Vance Jr., e una civile del procuratore generale dello stato, Letitia James – pur essendo condotte, come già indicato, in modo indipendente, hanno portato entrambi gli uffici ad emettere, nelle ultime settimane, un mandato di comparizione alla Trump Organization per i record relativi alle tasse. Questo almeno è il quanto si apprende da varie fonti informate dei fatti.

I mandati di comparizione sono stati gli ultimi passi delle due indagini sull’Organizzazione Trump e sottolineano le sfide legali che attendono il presidente quando lascerà l’incarico a gennaio e forse meglio spiega la sua resistenza a concedere la vittoria a Biden.

C’è da precisare però che non vi è alcuna indicazione che sua figlia sia al centro di entrambe le inchieste ed anzi ricordare che l’organizzazione Trump l’ha deriso in quanto motivata politicamente.

Lo sviluppo segue un recente esame del New York Times di oltre due decenni dei registri fiscali di Trump, che ha rilevato che aveva pagato poche o nessuna imposta federale sul reddito nella maggior parte degli anni, in gran parte a causa delle sue perdite croniche.

Tra le rivelazioni c’era che Trump ha ridotto il suo reddito imponibile deducendo circa 26 milioni di dollari di “commissioni a consulenti non identificati” come spesa aziendale su numerosi progetti tra il 2010 e il 2018.

Ma, come ha scoperto il Times, alcune di queste tasse sembrano essere state pagate alla signora Trump la quale, in una dichiarazione del 2017 che ha presentato quando si è unita alla Casa Bianca come consigliere presidenziale, ha riferito di aver ricevuto pagamenti da una società di consulenza di cui era co-proprietaria, per un totale di $ 747.622. Somma che, guarda caso, corrispondeva esattamente alle spese di consulenza rivendicate come detrazioni fiscali dalla Trump Organization per progetti alberghieri alle Hawaii e Vancouver, British Columbia.

Le detrazioni erano incentrate sulle commissioni pagate all’azienda TTT Consulting LLC (azienda che sembra avere un riferimento nella signora Trump e ad altri membri della sua famiglia) per le sue rilevazioni, e questi pagamenti rappresentavano solo una parte dei 26 milioni di dollari detratti dalle imposte.

Ma c’è anche di più visto che la signora Trump era un dirigente delle società Trump che ha effettuato i pagamenti, il che significa che sembra essere stata trattata come consulente mentre lavorava anche per l’azienda.

Nel merito, Alan Garten, consigliere generale dell’Organizzazione Trump, ha dichiarato che quella in corso “è solo l’ultima spedizione di pesca in un tentativo in corso di molestare la compagnia” perché, ha aggiunto, “Tutto è stato fatto nel rigoroso rispetto della legge applicabile e sotto la consulenza di consulenti ed esperti fiscali” ….. “Tutte le tasse applicabili sono state pagate e nessuna parte ha ricevuto vantaggi indebiti”.

Comunque sia, il vantaggio fiscale di Trump derivante dalla detrazione delle commissioni sui rendimenti federali delle sue società è evidente e si rifletterebbe anche sui suoi rendimenti a New York, rendendolo di possibile interesse per lo stato ma gli uffici del procuratore distrettuale e del procuratore generale hanno rifiutato di commentare.

La signora Trump non ha risposto alle richieste di commento ma ha scritto, su Twitter, che “non c’erano vantaggi fiscali di sorta”.

Pochi dettagli sono stati divulgati pubblicamente sulle indagini del procuratore distrettuale sull’unico caso criminale attivo noto che coinvolge il signor Trump.

L’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan, Cyrus R. Vance Jr., ha avviato l’inchiesta più di due anni fa, concentrandosi inizialmente sul ruolo della Trump Organization nel denaro nascosto pagato durante la campagna presidenziale del 2016 a Stormy Daniels, un’attrice di film pornografici che affermava di aver avuto una relazione con Trump.

L’indagine è stata bloccata dallo scorso autunno, dopo che il presidente ha intentato una causa per bloccare una citazione per le sue dichiarazioni dei redditi e altri documenti finanziari.

La battaglia legale ora è davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti per la seconda volta, con una sentenza attesa a breve. I pubblici ministeri hanno indicato, nei documenti consegnati al tribunale, che la loro indagine si è estesa ben oltre gli spunti di partenza e si concentra su una serie di potenziali crimini finanziari, tra cui assicurazioni e frodi bancarie, evasione fiscale e furto.

Trump ha detto che l’indagine fa parte della “più grande caccia alle streghe della storia” evidenziando che sia il signor Vance che la signora James sono democratici.

L’indagine civile della signora James si concentra sulle pratiche commerciali della Trump Organization, sebbene possa poi portare ad un rinvio penale, e può chiedere l’autorità dell’amministrazione del governatore Andrew M. Cuomo, o del controllore statale, per portare avanti le accuse da sola.

La sua indagine è iniziata lo scorso anno a Marzo, dopo che Michael D. Cohen, l’ex avvocato del presidente, aveva detto al Congresso che Trump aveva gonfiato i suoi beni nei rendiconti finanziari per garantire prestiti bancari e li aveva sottovalutati altrove per ridurre le sue tasse.

Ad agosto, l’ufficio del procuratore generale ha chiesto a un giudice di costringere il figlio del presidente, Eric Trump che è un vicepresidente esecutivo della Trump Organization che gestisce le sue operazioni quotidiane, a testimoniare nell’inchiesta, cosa che finalmente ha dovuto fare il mese scorso definendo l’indagine “una continua vendetta politica”.

Gli investigatori nell’ufficio del Procuratore Letitia James hanno esaminato una gamma sempre più ampia di transazioni. Uno di questi è la ristrutturazione finanziaria del 2010 del Trump Hotel & Tower a Chicago, quando la Fortress Credit Corporation ha condonato un debito per più di 100 milioni di dollari.

L’ufficio del procuratore generale ha affermato, in documenti depositati al tribunale ad agosto, che la Trump Organization aveva ostacolato gli sforzi per determinare come quel denaro si riflettesse nella sua dichiarazione dei redditi e se fosse dichiarato come reddito, come la legge richiede nella maggior parte dei casi.

L’analisi del Times sui documenti finanziari di Trump ha rilevato che aveva evitato l’imposta federale sul reddito su quasi tutto il debito condonato.

L’ufficio del procuratore generale sta anche esaminando se la Trump Organization abbia utilizzato valutazioni gonfiate quando ha ricevuto grandi agevolazioni fiscali per aver promesso di conservare la terra nella sua tenuta di Seven Springs nella contea di Westchester, NY

Sempre con riferimento all’indagine per il processo civile, il procuratore generale dello stato Letitia James, in un’intervista televisiva rilasciata in questo mese, ci ha tenuto a dire, e precisare, che «Il risultato delle elezioni non avrà alcun impatto sulle nostre indagini», aggiungendo: «Nessuno è al di sopra della legge. Ci limiteremo a seguire i fatti e le prove, ovunque ci portino».

Per completezza d’informazione c’è da segnalare che Trump ha spesso aggredito la signora James e che questa è l’ultima di una serie di procuratori generali di New York con cui lui si è scontrato. Inoltre, il Procuratore Generale dello Stato di New York Letitia James, ha presieduto le fasi finali di un’indagine che ha portato alla chiusura della fondazione di beneficenza di Trump travolta dallo scandalo e che ora sta anche cercando di sciogliere anche la National Rifle Association , un alleato chiave del presidente.«Fanno causa su tutto, sempre in cerca di un crimine», ha twittato Trump già dall’anno scorso ed ora, l’esame delle tasse apparentemente pagate alla figlia maggiore, rischia di suscitare ancora più il suo astio.

Trump afferma che i pagamenti ai figli siano qualcosa di deducibile dalle tasse. Per lui quelli erano per risarcire i suoi figli; per altri un modo di evitare le tasse sulle donazioni che potrebbe incorrere nel trasferire loro ricchezza. Un mezzo ed una strada già adottata dal padre di Trump che, come scoperto dal Times nel 2018, aveva seguito questo schema legalmente discutibile verso il figlio.

Questa non è la prima indagine dell’ufficio del procuratore generale che coinvolge i figli di Trump. Come parte dell’accordo che ha portato alla chiusura della sua fondazione di beneficenza, la signora Trump e i suoi fratelli, che erano membri del consiglio, dovevano ricevere “una formazione sui doveri di funzionari e direttori di enti di beneficenza in modo da non consentire che l’attività illegale che hanno supervisionato alla Trump Foundation si ripetesse “.

Cancellazioni fiscali di Trump in 2 indagini sulle frodi a New York / Stanislao Barretta

COLLEGATA:

I tentativi di Trump di ribaltare le elezioni oltraggiosi per gli USA
ATTUALITÀ • EDITORIALI

I tentativi di Trump di ribaltare le elezioni oltraggiosi per gli USA

Come scrive oggi David E. Sanger, in un esaustivo articolo d’Analisi della situazione in America ad oggi, pubblicato su The New York Times: i tentativi…

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto. È possibile richiedere autorizzazione scritta alla nostra Redazione. L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo e delle eventuali fonti in esso citate.

 

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più