21.8 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

mercoledì, Maggio 25, 2022

Bombardamento ospedale: un’atrocità. Cremlino: era una postazione militare

Da leggere

Bombardamento ospedale: Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha condannato come «atrocità» un attacco aereo russo che mercoledì ha squarciato un ospedale per la maternità nella città costiera assediata di Mariupol, ferendo almeno 17 membri del personale e pazienti.

La stampa internazionale dà molto rilievo all’attacco russo contro l’ospedale pediatrico di Mariupol, e la fotografia della donna incinta su una barella in un panorama di devastazione è al centro di molte prime pagine. Questo crudele episodio della guerra sul campo è la notizia di cronaca che si impone con la sua forza emotiva, ma qualche quotidiano preferisce valorizzare altri aspetti. Lo fa soprattutto la stampa francese, concentrata sul vertice europeo di Versailles, o quella tedesca. E anche quella cinese, che si impegna a rilanciare le accuse rivolte ieri da Pechino contro Nato e Usa.

Ecco una carrellata di alcuni titoli:

  • Washington Post: Il bombardamento russo contro l’ospedale di Mariupol, “ha segnato un’altra giornata devastante in Ucraina”
  • New York Times: “Colpito un ospedale mentre aumentano gli attacchi contro i civili”
  • Wall Street Journal: Le bombe russe che hanno colpito l’ospedale materno-infantile di Mariupol sono la notizia del giorno anche per il Wall Street Journal, sul quale si ritrova la stessa fotografia della donna incinta che viene portata via su una barella
  • Financial Times:  “Zelensky accusa la Russia di atrocità per l’attacco contro l’ospedale, in un appello per l’aiuto del mondo”
  • The Times: “Madri e bambini nel mirino”, dice il titolo, sulla fotografia di una donna incinta portata su una lettiga tra le rovine
  • El Pais: “Atroce attacco a un reparto maternità”, titola in apertura El Pais.

Restando sulla notizia segnalo quanto ha  detto, quasi in lacrime, il presidente ucraino in un discorso video a tarda notte: “Che razza di Paese è questo, la Russia, che ha paura degli ospedali e delle donne in maternità e li distrugge?” 

Il Cremlino, dal canto suo, non smentisce l’attacco e rilancia affermando che “nell’ospedale c’erano postazioni militari”.

L’incidente è l’ultimo di una serie di attacchi che sottolineano il bilancio dei civili nel conflitto.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che dall’inizio dell’invasione russa ci sono stati 18 attacchi a strutture sanitarie, operatori sanitari e ambulanze, provocando 10 morti.

Le condizioni, con i pazienti ammassati nei rifugi seminterrati, sono viste dagli esperti sanitari come una “capsula di Petri” per la diffusione di malattie infettive.

Intanto ieri, mercoledì, i legislatori della Camera degli Stati Uniti hanno approvato una ulteriore assistenza umanitaria, economica e militare all’Ucraina per un valore di circa 14 miliardi di dollari: denaro destinato a fornire supporto militare, rispondere all’emergente crisi dei rifugiati, rafforzare gli alleati della NATO e imporre sanzioni contro la Russia e la sua élite politica .

Metti “mi piace” alla nostra pagina Facebook! – Cristina Adriana Botis / Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy