Napoli: pronta la 26.ma edizione del Concerto Dell'Epifania 2020

Napoli: pronta la 26.ma edizione del Concerto Dell’Epifania 2020

Tutto pronto a Napoli per la 26.ma edizione del Concerto dell’Epifania con un cast “vulcanico” d’eccezione:

ADRIANO PENNINO, ARIANNA CIAMPOLI, MARIO BIONDI, PEPPINO DI CAPRI, SAL DA VINCI,

MARIA NAZIONALE, ANDREA SANNINO, MASSIMILIANO GALLO, ENZO GRAGNANIELLO, PEPPE BARRA, BARBARA COLA, ANTONIO MARINO, RITA CICCARELLI & FLOWIN’GOSPEL, MONICA SARNELLI

Napoli: pronta la 26.ma edizione del Concerto Dell’Epifania 2020

Napoli, 29 dicembre 2020 – Tutto pronto per la 26.ma edizione del Concerto dell’Epifania, che ritorna nel
suggestivo scenario del Complesso Monumentale di Santa Maria La Nova, come già avvenuto nelle precedenti
edizioni dal 2003 al 2005. L’evento musicale, prodotto da RAICULTURA, sarà trasmesso da RAIUNO, martedì 5
gennaio 2021 dalle ore 23:15 e sarà condotto da un volto noto della televisione come Arianna Ciampoli. Nel
pieno rispetto dei protocolli sanitari previsti per contrastare la diffusione del Covid-19, la 26.ma edizione del
Concerto dell’Epifania sarà registrata nei giorni 29 e 30 dicembre, senza la presenza di pubblico.
È ABBRACCIAMI il tema scelto per il tradizionale appuntamento culturale e musicale promosso dall’associazione
Oltre il Chiostro onlus, presieduta da Giuseppe Reale – ideatore del format ed autore dello spettacolo – e
prodotta per la RAI dalla Melos International di Dante Mariti, insieme all’associazione Musica dal Mondo, che
cura l’intera organizzazione dell’evento. La Direzione Artistica è affidata a Francesco Sorrentino, come avviene
ininterrottamente dal 2009. La regia televisiva sarà firmata da Barbara Napolitano del Centro Produzione Rai di
Napoli.
Anche per il 2021 saranno assegnati, a cura del Centro Permanente di Ricerche e Studi sul Presepe Napoletano
diretto da Umberto Grillo, i premi NATIVITY IN THE WORLD.
Per la sezione dedicata alla “solidarietà sociale”, curata da Paolo Gentile – Presidente della rete associativa
Politiche Sociali e Progetti – sarà premiata l’importante associazione nazionale Forum Lex per il progetto Donne
e Giustizia, rivolto alla tutela e al contrasto della violenza sulle donne e sui minori, con la nascita di task force
territoriali di pronto intervento; il progetto premiato è stato scelto tra altri sei ammessi ad un pubblico sondaggio di
gradimento, raccogliendo ampi consensi a testimonianza dell’efficacia dell’impegno sociale profuso.
“Una vittima di violenza – afferma Iolanda Ippolito, Presidente dell’omonima Associazione – che raggiunge la
consapevolezza di essere in pericolo o la volontà di uscire dal contesto di violenza ha superato un primo grande
ostacolo, ma non sempre arriva alla denuncia. In questo contesto, tutti gli operatori che, a vario titolo, entrano in
contatto con gli autori o le vittime di violenza, se adeguatamente formati a riconoscere i campanelli di allarme, ad
interagire adeguatamente ed agire tempestivamente, possono svolgere un ruolo fondamentale, che potrebbe
salvare una o più vite. I professionisti delle task force costituiranno il punto di riferimento sui territori per famiglie
e istituti scolastici, con attività di prevenzione e sensibilizzazione sulla cultura del rispetto e delle pari opportunità e
attività di contrasto ad ogni forma di abuso e\o maltrattamenti su soggetti vulnerabili. Il progetto “Donne e
Giustizia” è nato sulla base di queste premesse per fornire agli operatori le conoscenze e gli strumenti per prevenire
ed intervenire adeguatamente in casi di violenza” .
Per la sezione dedicata alle “politiche culturali”:
All’Arcivescovo di Catanzaro-Squillace, mons. Vincenzo Bertolone, nelle vesti di postulatore della causa di
beatificazione del Magistrato Rosario Angelo Livatino, assassinato a soli 37 anni dalla criminalità organizzata nel
1990, e di cui lo scorso 21 dicembre Papa Francesco ha sottoscritto il relativo decreto di promulgazione,
riconoscendolo martire della fede; il 29 novembre del 2019, proprio il Santo Padre aveva definito Livatino «un
esempio non soltanto per i magistrati, ma per tutti coloro che operano nel campo del diritto: per la coerenza tra la
sua fede e il suo impegno di lavoro e per l’attualità delle sue riflessioni».
Altro importante riconoscimento sarà assegnato a Mariano Bauduin – regista teatrale e musicista – nelle vesti di
direttore di The Beggars’ Theatre – il Teatro dei Mendicanti di San Giovanni a Teduccio, che rappresenta
un’importante avamposto di legalità nella zona orientale di Napoli; Mariano Bauduin, assistente per più di un
ventennio del Maestro Roberto De Simone, ha realizzato da più di sei anni, con la sua compagnia Gli Alberi di
Canto Teatro, il progetto del The Beggars’ Theatre, con l’obiettivo di promuovere e tramandare il teatro popolare.
Come egli stesso ha affermato con convinzione <<il teatro e la cultura sono uno strumento di riscatto per i territori,
altrimenti non passerei gran parte del mio tempo in un piccolo teatro di periferia>>.
Il Concerto dell’Epifania 2021 darà, dunque, spazio alla musica, com’è sua tradizione, in questo anno segnato dalla
crisi pandemica, rinviando ad un ulteriore momento, appena le disposizioni sanitarie lo consentiranno, la possibilità
di una pubblica presentazione dei progetti sociali, educativi e culturali premiati.
In questa situazione così particolare, il gruppo degli artisti di questa 26.ma edizione – sinora si sono esibiti in 293 da
varie parti del mondo – farà partire da Napoli un grande abbraccio simbolico che avvolga tutti i popoli nel nome
dell’arte e della cultura, un abbraccio che possa portare fiducia e speranza in un momento molto delicato della
nostra storia.
Nel Complesso Monumentale di S. Maria La Nova, accompagnati dalla grande Orchestra Partenopea di Santa
Chiara, diretta dal M° ADRIANO PENNINO, si alterneranno diversi “artigiani della speranza”, come il cantante e
compositore di fama internazionale Mario Biondi, che con la sua inconfondibile voce omaggerà Pino Daniele,
interpretando il brano Notte che se ne va.
Alla testa del gruppo degli artisti partenopei vi è il grande Peppino di Capri con la sua Canzona mia, mentre uno
dei protagonisti di questa 26.ma edizione del Concerto dell’Epifania sarà sicuramente anche Sal Da Vinci, che farà
emergere tutta la sua passione nell’esibizione di poesia e sentimento con il brano Viento; e se l’invito all’abbraccio
è al centro del tema di questa edizione, non poteva mancare colui che, durante il primo lockdown, ha accorciato le
distanze imposte dalla pandemia, ovvero Andrea Sannino con la sua Abbracciame.; un altro grande interprete
presente quest’anno sarà Enzo Gragnaniello, che proporrà Senza Voce. Molto attese sono anche le performance
teatrali di due grandi attori partenopei: Massimiliano Gallo, con un testo da lui scritto dedicato a L’amore, e
Peppe Barra con il celebre Cammina cammina.
Il grande abbraccio canoro si esprimerà anche grazie ad una nutrita rappresentanza femminile: la 26.ma edizione
del Concerto dell’Epifania ospiterà, infatti, artiste del calibro di Barbara Cola, che interpreterà Se io fossi un
angelo di Lucio Dalla, mentre Maria Nazionale proporrà un classico senza tempo e senza confini come Te voglio
bene assaje; le suggestioni gospel di Rita Ciccarelli & Flowin’Gospel emozioneranno il pubblico di casa sulle
note di Imagine a quarant’anni dall’assassinio di John Lennon; infine, la voce grintosa e suadente di Monica
Sarnelli chiuderà l’edizione 2021 sulle note del brano Canto pe’ dispietto.
Spazio anche al giovane talento di Antonio Marino, reduce, tra gli altri impegni, dalla sua partecipazione ad un
talent show di successo e che si esibirà con una sua originale ed intensa interpretazione di Almeno Tu
nell’universo della grande ed indimenticabile Mia Martini.
Nello splendore artistico della location, la scenografia di questa edizione sarà impreziosita da un’opera di Luigi
Grossi, tra i più prolifici artisti della Napoli contemporanea, pensata per l’occasione e dal titolo Vita Incandescente.
L’evento gode del sostegno della Presidenza della Regione Campania e dell’Assessorato alla Cultura del Comune di
Napoli.
© TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto. È possibile richiedere autorizzazione scritta alla nostra Redazione. L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo e delle eventuali fonti in esso citate.