Napoli-Sassuolo 4-0, l’occhio indiscreto di Natale Giusti

Napoli-Sassuolo 4-0, il nostro occhio indiscreto. Tredicesima perla consecutiva degli azzurri e primato sempre più solido contro un Sassuolo che non è stato a guardare, anzi almeno in 5 occasioni nitide ha esaltato le doti di Meret.

Napoli-Sassuolo: analisi e considerazioni sulla tredicesima vittoria consecutiva degli azzurri. Il nostro occhio indiscreto.

La squadra azzurra ha forse concesso troppo al Sassuolo (5 occasioni gol) Ma il Napoli visto all’opera contro gli emiliani di mister Dionisi ha rasentato la perfezione in quanto a realizzazione delle occasioni create in attacco.

Un Napoli sempre più cinico e commutativo, quello di Spalletti, che ne cambia ancora una volta sei dal primo minuto e sforna ancora una volta 4 gol, oltre a una traversa di Mario Rui e a un rigore su cui molto colpevolmente sorvolano l’arbitro Rapuano e il Var per fallo di mani evidentissimo di Rogerio.

Sugli scudi, manco a dirlo, Osimhen e Kvaratskhelia dirompenti ancora una volta e complementari per mettere al tappeto il Sassuolo come già capitato anche con avversari di spessore più elevato.

La gara dura in pratica 19 minuti. Il tempo per Kvaratskhelia di fornire 2 assist sontuosi al nigeriano su azioni partite dai piedi di Di Lorenzo, uno dei due insostituibili di questa squadra insieme ad un Lobotka sempre più magistrale.

Il resto è pura accademia, quasi un’esibizione da Harlem Globetrotters, in cui talvolta ci sono sprazzi di Sassuolo molto pericolosi (in particolare nel secondo tempo) ma in cui entra in maniera devastante ancora una volta Kvara nella parte finale del primo tempo su lancio sontuoso di Mario Rui con un interno sinistro sempre più vellutato.

E infine Osimhen su retropassaggio errato di un impalpabile Traorè che si trasforma in un perfetto assist chiuso dal nigeriano con uno straordinario cucchiaio che non da scampo a Consigli.

Prima della gara era stato celebrato nella maniera migliore quello che oggi sarebbe stato il sessantaduesimo compleanno di Diego Armando Maradona. E siamo certi che anche Diego da lassù sarà strafelice nel vedere giocare una squadra in cui anche a lui avrebbe fatto piacere essere presente con la sua classe immensa e incommensurabile.

E ora il palcoscenico magico di Anfield Road martedì sera alle 21 dove il Napoli cerca contro il Liverpool di Klopp il lasciapassare per affrontare da primo del Gruppo A il sorteggio degli ottavi di finale di Champions League. Prima di planare a Bergamo contro l’Atalanta sabato sera alle 18 per un’altra terribile battaglia da affrontare petto in fuori sulla strada del Grande Sogno di questa stagione.

 

Natale Giusti
Laureato in Economia e Commercio e giornalista iscritto all'albo dei pubblicisti dal 2017. Redattore di Napolisoccer.NET dal 2015 al 2019 e conduttore a Radio No Frontiere dal 2017 al 2019 del programma sportivo "Sotto Porta Show". Passato da maggio 2019 alla redazione di Vivicentro.it. Uno smisurato amore per il calcio in generale ma soprattutto due grandi passioni: la Juve Stabia, e il giornalismo.... Così grandi per me, che diventa sempre più difficile tenerle nettamente separate…

Commenta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV


Ultime Notizie

Mondiale calcio 2022; analisi Croazia-Belgio

Mondiale calcio 2022 pareggio deludente che fa sorridere la Croazia e che condanna il Belgio ad una bruttissima eliminazione

Giappone-Spagna, Mondiali di Calcio 2022

Giappone-Spagna si preparano a scendere in campo alle ore 20.00 Giappone-Spagna, Mondiali di Calcio 2022 Entrambe le squadre hanno un piede agli ottavi ma è ancora...