34.7 C
Castellammare di Stabia

La Givova Scafati espugna l’Emilia: cade la Virtus Bologna

LEGGI ANCHE

La Givova vince 77-84 in casa della capolista, ribaltando tutti i pronostici. Logan e Pinkins sono una certezza, brilla l’ultimo arrivato Okoye con 18 punti e 10 rimbalzi.

Veni, vidi, vici”. L’innesto di Okoye ha regalato uno straordinario successo alla Givova Scafati sul parquet dell’imbattuta capolista Virtus Segafredo Bologna, col punteggio finale di 77-84. La gara valevole per la decima giornata del campionato di serie A, in cui ha esordito in maglia gialloblu il giocatore nigeriano, è coincisa con una straordinaria vittoria in trasferta. Davide ha battuto Golia. Un risultato che ha il sapore dell’impresa da tramandare ai posteri e che ha scritto un’altra indimenticabile pagina sportiva del basket scafatese.

Una prestazione quasi perfetta, ma soprattutto una gara solida e di sostanza, che ha premiato il lavoro degli uomini agli ordini di coach Caja e l’ennesimo sforzo economico profuso dalla società. Avanti nel punteggio per circa tre quarti di gara, la compagine dell’Agro ha avuto il merito di non mollare mai la presa, di tenere sempre alta la concentrazione e non prestare mai il campo al più quotato avversario, senza mai disunirsi, nemmeno nei momenti più difficili.

Senza l’infortunato Butjankovs, capitan Rossato e compagni hanno tirato con superiori percentuali di realizzazione, hanno recuperato più rimbalzi e possessi e fatto circolare la palla in maniera esemplare, infliggendo una dura lezione alla blasonata formazione bolognese che, per l’occasione, era rientrata nella Virtus Segafredo Arena, dopo l’esilio forzato al PalaDozza. Esordio interno bagnato però da una sconfitta, la prima in campionato dall’inizio della stagione agonistica.

Virtus Segafredo Bologna vs Givova Scafati: la cronaca del match

1° QUARTO

Senza timori riverenziali, la Givova Scafati affronta l’avversario con il piglio giusto, di gran carriera, giocando bene di squadra e mettendo in mostra i centimetri e la qualità di Thompson sotto le plance, tenendo la sfida in equilibrio per i primi minuti (9-9 al 5’). È un buon momento per i campani che trovano in Okoye un prezioso terminale offensivo, capace di portare i suoi avanti 10-16 all’8’. Coach Scariolo ferma il cronometro: i suoi lo ascoltano e azzerano le distanze (18-18 al 9’), per poi mettere la freccia 22-18 con Shengelia e Hackett a fine primo quarto.

Virtus Segafredo Bologna vs Givova Scafati: Kruize Pinkins al tiro
Virtus Segafredo Bologna vs Givova Scafati: Kruize Pinkins al tiro (fonte: ufficio stampa Scafati Basket 1969)

2° QUARTO

La partita della Givova Scafati non termina affatto qui. Lamb ed Okoye, unitamente a Pinkins, fanno sentire la propria presenza in campo e, partendo da un buon atteggiamento difensivo, mettono la museruola all’attacco virtussino e portano addirittura gli ospiti avanti 27-41 al 18’ (parziale di 0-20), grazie al gioco in transizione e alla buona mano dalla lunga distanza. Solo negli ultimi minuti i padroni di casa rialzano la testa e riprendono la via del canestro, ma senza grossi sussulti, tant’è che all’intervallo i viaggianti sono avanti di 11 lunghezze (30-41).

3° QUARTO

Le V nere, con Shengelia sugli scudi, le tentano tutte per rientrare in partita. Ma gli scafatesi non ci stanno a dilapidare il vantaggio conquistato con così grande fatica e, nonostante le scorribande di Lundberg, riescono a conservare il vantaggio a metà frazione (42-53). Ci prova Hackett a rispondere alla mano calda di Logan e Lamb, ma le distanze restano invariate all’8’ (50-61). La difesa bianconera appare tutt’altro che impenetrabile, mentre l’attacco funziona solo a sprazzi, con errori in fase di impostazione più che in fase realizzativa. La buona circolazione di palla premia invece il lavoro dei gialloblu che, nonostante il buon momento di Mannion, chiudono avanti 56-64 la terza frazione.

Virtus Segafredo Bologna vs Givova Scafati: la schiacciata di Trevor Thompson
Virtus Segafredo Bologna vs Givova Scafati: la schiacciata di Trevor Thompson (fonte: ufficio stampa Scafati Basket 1969)

4° QUARTO

È Mannion l’uomo in più della compagine emiliana ad inizio ultimo quarto, unico a caricarsi sulle spalle il peso dell’intero attacco e a spingere i compagni verso una difficile ma non impossibile rimonta (62-66 al 33’). Ci pensano Pinkins e Imbrò a tenere a debita distanza i locali (67-73 al 36’). L’esperienza di Hackett, Shengelia e Mannion permette ai bolognesi di assottigliare sempre di più il divario (74-76 al 38’). Stone e Lamb riportano però avanti 75-81 la Givova ad un minuto dalla fine; vantaggio rimpinguato da Pinkins ai liberi a mezzo minuto dalla sirena (76-83). Il ricorso al fallo sistematico non muta l’andazzo della sfida che premia i salernitani, vittoriosi 77-84.

Il tabellino

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA 77 – 84 GIVOVA SCAFATI

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA: Mannion 17, Belinelli, Pajola n. e., Bako, Jaiteh 2, Lundberg 9, Martini n. e., Shengelia 13, Hackett 18, Mickey 7, Camara, Weems 11. Allenatore: Scariolo Sergio. Assistenti Allenatori: Seravalli Alberto, Cassinerio Matteo, Squarcina Iacopo.

GIVOVA SCAFATI: Stone 5, Lamb 13, Thompson 8, Okoye 18, Caiazza n. e., Pinkins 16, De Laurentiis n. e., Rossato 4, Imbrò 3, Monaldi n. e., Tchintcharauli n. e., Logan 17. Allenatore: Caja Attilio. Assistenti Allenatori: Nanni Francesco, Ciarpella Marco.

ARBITRI: Begnis Roberto di Crema (Cr), Bartoli Mark di Trieste, Bartolomeo Antonio di Lecce.

NOTE: Parziali: 22-18; 8-23; 26-23; 21-20. Falli: Virtus Bologna 13; Scafati 15. Usciti per cinque falli: Okoye, Logan. Tiri dal campo: Virtus Bologna 23/57 (40%); Scafati 27/56 (48%). Tiri da due: Virtus Bologna 15/31 (48%); Scafati 14/30 (47%). Tiri da tre: Virtus Bologna 8/26 (31%); Scafati 13/26 (50%). Tiri liberi: Virtus Bologna 23/33 (70%); Virtus Bologna 17/21 (81%). Rimbalzi: Virtus Bologna 30 (10 off.; 20 dif.); Scafati 38 (9 off.; 29 dif.). Assist: Virtus Bologna 8; Scafati 22. Palle perse: Virtus Bologna 16; Scafati 16. Palle recuperate: Virtus Bologna 5; Scafati 10. Stoppate: Virtus Bologna 1; Scafati 1.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sorrentino del Monza obiettivo numero uno per la porta della Juve Stabia

Juve Stabia, è Alessandro Sorrentino del Monza l'obiettivo numero uno delle Vespe per il ruolo di portiere titolare per il prossimo campionato di Serie B
Pubblicita

Ti potrebbe interessare