Alex Meret Napoli - Podio Azzurro
Alex Meret Napoli - Podio Azzurro
Alex Meret, portiere Napoli

Il Podio Azzurro di Napoli-Cagliari

Il Podio Azzurro – Il Napoli non va oltre il pari con il Cagliari e fallisce l’aggancio al secondo posto. Gli Azzurri la sbloccano con Osimhen che sguscia via tra i difensori ma non riescono a chiuderla. Lozano e lo stesso Osimhen si divorano due occasioni molto ghiotte. Il Cagliari non demorde e crea diversi pericoli centrando anche il palo. La rete che permette ai sardi di strappare un punto arriva nel recupero con l’inserimento di Nandez.

Il Podio Azzurro

Medaglia d’oro: sul primo gradino più alto del podio c’è Alex Meret. Il portiere friulano deve fare gli straordinari per evitare che il Cagliari possa trovare il gol molto prima. Dopo essere stato fortunato sul palo colpito da Zappa, deve sporcarsi i guantoni per respingere il colpo di testa ben indirizzato da Pavoletti. Ma non finisce lì. Sulla ribattuta è bravo e fortunato a murate la conclusione a botta sicura da pochi passi. Nella seconda frazione si supera su una bella girata di un calciatore rossoblù. Tutto ciò non basta perché Nandez riesce a trafiggerlo al minuto 94.

Medaglia d’argento: sul secondo gradino del podio c’è Victor Osimhen. Il nigeriano è una spina nel fianco della difesa cagliaritana. Al minuto 13 scappa via ai centrali, tiene botta col fisico e trafigge Cragno. La partita sembra mettersi in discesa ma non sarà così. L’ex Lille è in fiducia e serve un assist invitante a Lozano che spreca di testa. Nel secondo tempo divora il raddoppio e l’arbitro gli annulla il gol per una spinta. È comunque l’uomo più in forma del Napoli.

Medaglia di bronzo: sul terzo gradino del podio c’è Piotr Zielinski. Il polacco disputa una buona partita ma un gradino sotto rispetto alle prestazioni alle quali ci aveva abituati. Lotta più volte con Ceppitelli che ricorre al fisico per metterlo fuori gioco, legalmente e non. Sollecita diverse volte Cragno che risponde presente. Dopo un calcio di punizione veloce serve un cross teso ad Osimhen che non centra lo specchio.

Ascolta la WebRadio