Gazzetta – Riduzione stipendi: le società inizieranno dal 10%

I club potrebbero arrivare fino al 20% In un periodo in cui il campionato è fermo le società non incassano dai diritti televisivi e dalle partite casalinghe, i club di Serie A potrebbero arrivare a risparmiare il 10% dello stipendio di ogni calciatore. Percentuale che potrebbe anche essere raddoppiata, ma soltanto al verificarsi di una condizione. […]

I club potrebbero arrivare fino al 20%

In un periodo in cui il campionato è fermo le società non incassano dai diritti televisivi e dalle partite casalinghe, i club di Serie A potrebbero arrivare a risparmiare il 10% dello stipendio di ogni calciatore. Percentuale che potrebbe anche essere raddoppiata, ma soltanto al verificarsi di una condizione.

Ecco quanto scritto dall’edizione odierna della Gazzetta dello Sport:
“Ora le società cercano un’intesa tra loro, che metta al riparo da un pericolo comune. Tra la proposta fatta dalla Lega all’Aic e quella che verrà discussa oggi non c’è la distanza che a prima vista può sembrare: la riduzione di parte di marzo e aprile (e del conseguente 10% del totale) è solo l’obiettivo minimo, che nasce dalla speranza del ritorno in campo a maggio per i primi allenamenti. Altrimenti, senza
ripresa, è ovvio che la riduzione vorrebbe estendersi ai mesi di inattività dei giocatori: maggio e giugno. Una facile operazione raddoppia il totale: se verranno coinvolti altri due mesi, l’intervento complessivo in busta paga riguarderà il 20%. Azione che i club metterebbero in atto in maniera coordinata ma di fronte a quale risposta dei tesserati? La loro disponibilità deve ancora essere verificata ma i club confidano nel buonsenso: l’esempio delle altre leghe, del resto, va nella stessa direzione”.

Commenta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ULTIME NOTIZIE

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV