Dona un rene alla moglie, ora Schiratti conoscerà Sarri: “Un sogno!”

Le sue parole…

Alain Schiratti è un attaccante di Seconda Categoria che ha lasciato il calcio, in estate, per donare un rene alla moglie sofferente. Grande tifoso del Napoli, Schiratti ha rilasciato alcune dichiarazioni ad Eurosport: “Ho iniziato a tifare Napoli per Maradona, il più forte di tutti. A Flaibano gli amichetti e i compagni di squadra mi prendevano tutti in giro, in Friuli o tifi Udinese oppure Milan, Juve o Inter. Tifare per una squadra del sud non era visto di buon occhio ma io sono sempre stato azzurro dentro e quando i partenopei vengono a giocare a Udine cerco di non perdermi mai l’occasione di vederli. Purtroppo non sono mai stato al San Paolo. Può immaginare da Udine non è semplice andarci. Però mi piacerebbe sentire il calore e l’atmosfera magari in una bella serata di Champions o in un big match”.

Uno degli idoli di Schiratti è ovviamente l’allenatore Maurizio Sarri: Da quando è arrivato a Napoli sta facendo un lavoro straordinario. Lo stimo perché è uno che con la passione, il lavoro e la dedizione è riuscito ad arrivare passo dopo passo dalla Seconda Categoria ad allenare in Champions League. Sa cosa significa fare sacrifici e mettersi in gioco e la sua parabola testimonia che davvero nulla è impossibile. Mi piacerebbe scambiare due chiacchiere con lui, magari assistere a un allenamento, per capire come riesce a far giocare la squadra in maniera tanto armoniosa. Tutti sanno cosa fare e quando gioca ad alta velocità è una gioia per gli occhi vedere il suo Napoli giocare. Visto che fra cinque settimane il Napoli viene a giocare a Udine, sarebbe bello se potesse esaudire questo mio desiderio… Sono orgoglioso di incontrare una persona che ha fatto un gesto d’amore così grande”.

Commenta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV


Ultime Notizie

Lega Pro Girone C, torneo livellato verso l’alto o il basso? – La Bastonatura

Lega Pro Girone C, torneo livellato verso l'alto o il basso? - La Bastonatura