Arrestato dai CC di Catania: attuava ostruzionismo nei confronti della società appaltatrice presso il Policlinico
Arrestato dai CC di Catania: attuava ostruzionismo nei confronti della società appaltatrice presso il Policlinico

Direttore lavori per la realizzazione di 16 posti di terapia intensiva chiede la mazzetta: arrestato

Arrestato dai CC di Catania: attuava ostruzionismo nei confronti della società appaltatrice presso il Policlinico non approvando il prezziario per poi in cambio chiedere la consegna di 35.000 euro

La sera del 15 dicembre, nell’ambito di indagini coordinate da questa Procura della Repubblica della città etnea, gruppo reati contro la pubblica amministrazione, i Carabinieri della Compagnia di Gravina di Catania hanno tratto in arresto in flagranza del reato di tentata concussione Inserra Daniele, architetto nonché direttore dei lavori del progetto per la realizzazione di 16 posti di terapia intensiva del policlinico G. Martino di Messina, finanziato dalla Regione siciliana, ufficio del commissario delegato per l’emergenza COVID-19.

LE INDAGINI

Le investigazioni hanno consentito di evidenziare la sussistenza di un grave quadro indiziario, commisurato all’attuale fase delle indagini in cui il contraddittorio tra le parti non risulta instaurato in modo completo, relativamente all’illiceità delle condotte che sarebbero state poste in essere dall’architetto INSERRA, nel formulare insistenti richieste concussive nei confronti della ditta incaricata della realizzazione dei lavori, la LEIL Costruzioni S.r.l. di Partinico (PA) nella persona del procuratore speciale.

L’attività d’indagine, sviluppata mediante attività di indagine tecniche e tradizionali, è scaturita dalla denuncia del procuratore speciale della Leil Costruzioni Srl a seguito delle ripetute richieste di denaro, sotto l’implicita minaccia di non approvare un computo metrico relativo ad una variante dei lavori appaltati.

L’indagato avrebbe prima posto in essere una condotta artatamente ostruzionistica nei confronti della società appaltatrice non approvando il prezziario proposto dalla ditta per i lavori di variante, e di seguito avrebbe esplicitato la sua intenzione di approvare i prezzi proposti in cambio della consegna di € 35.000.

Alla netta opposizione della ditta, che faceva presente come la società non si era mai prestata ad ottenere lavori pubblici in cambio di tangenti, l’indagato avrebbe proposto di mascherare l’esborso di denaro tramite l’affidamento da parte della ditta di una consulenza fittizia ad un tecnico di sua fiducia nell’ambito del suindicato progetto.

L’Inserra avrebbe asserito che avrebbe firmato la perizia di variante dei lavori lo stesso giorno della firma, da parte della ditta, dell’incarico al tecnico indicato dall’indagato ma, il giorno in cui l’Inserra si recava presso gli uffici della LEIL Costruzioni portando con sé copia dell’incarico peritale già firmato dal professionista di sua fiducia, trovava ad attenderlo i Carabinieri che lo traevano in arresto.

IL PROVVEDIMENTO

L’architetto Inserra, in sede di interrogatorio di garanzia, pur non rispondendo alle domande del Giudice, ha ammesso la propria responsabilità per gli addebiti che gli venivano mossi.

Il Giudice per le indagini preliminari di Catania ha convalidato l’arresto e ha disposto la misura degli arresti domiciliari.

Adduso Sebastiano

(le altre informazioni regionali le trovi anche su Vivicentro – Redazione Sicilia)

CAMBIA GDPR