Castellammare di Stabia, l'eterna incompiuta 1
Castellammare di Stabia, l'eterna incompiuta 1

Castellammare di stabia; la città delle acque…e delle chiacchiere

La città delle acque si è vista bloccare il permesso di essere chiamata tale a causa delle tante parole e di nessun fatto a suo seguito

Castellammare esclusa dal bando per acque termali e minerali; non sono mancati i battibecchi… ma ci si è limitati a quelli

Parole, parole, parole

Mentre ai piani alti si ribattono accuse su accuse come fosse una partita di tennis, noi cittadini ne paghiamo il prezzo; svalutazione del territorio, mancato sfruttamento di risorse valide e perdita di credito su scala nazionale sono soltanto alcune delle conseguenze alle quali gli stabiesi sono andati incontro.

La popolazione fa da spettatrice allo scambio di battute tra chi, a modo proprio, si è interessato alla vicenda; nessuno riesce a spiegarsi come mai la città sia rimasta fuori dal bando per la coltivazione delle acque termali e minerali nonostante l’interesse del sindaco Cimmino nel rivolgersi ai deputati che hanno portato la questione in Parlamento.

Le parole del Sindaco sono state raccolte e rispedite al mittente dai membri del movimento 5 stelle Teresa Manzo e Francesco Nappi, i quali hanno giudicato la situazione come assurda; effettivamente la cosa ha un che di ridicolo, quindi in molti si chiedono che cosa si possa fare nel pratico per migliorare la situazione.

Il vero problema non è schierarsi dall’una o dall’altra parte e decidere chi ha ragione e chi ha torto, il problema è che tutti loro sprecano tempo ed energie ad accusarsi gli uni con gli altri quando potrebbero collaborare per risollevare le sorti di una città vittima di un atteggiamento superficiale.

Una risorsa come poche al mondo

Quando si pensa a Castellammare di stabia, si pensa automaticamente alla storia che essa tramanda; questa storia cittadina è ricca di arti e tradizioni uniche nel loro genere, come i prodotti tipici locali e le terme di stabia, frequentate sin dai tempi antichi.

Io stesso ho potuto sperimentare l’efficienza delle cure termali, ma come me sicuramente tanti altri, magari anche più grandicelli di me, ne hanno usufruito per salute o piacere; si tratta di una risorsa che ha fatto tanto per la città e che potrebbe fare ancora tanto se solo chi di dovere la smettesse coi teatrini e cominciasse a prendere a cuore la nobile causa di Stabia.

Castellammare di stabia; la città delle acque…e delle chiacchiere/Antonio Cascone/redazionecampania