Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Baldini: “Abbiamo studiato la Juve Stabia. Conosciamo i punti deboli”

Baldini Catania Juve Stabia

Francesco Baldini, allenatore del Catania, è intervenuto in conferenza alla vigilia del match di campionato con la Juve Stabia.

Le dichiarazioni di Baldini sono state raccolte dai colleghi di www.tuttocalciocatania.com e sintetizzate dalla redazione di ViViCentro.it.

“La squadra ha lavorato bene, il risultato di Picerno ha tranquillizzato un pò i ragazzi ed era la cosa che ci serviva di più. Essere più tranquilli però non significa che deve calare la grinta, la cattiveria agonistica, la determinazione e predisposizione nel rubare la palla, non dobbiamo perdere queste componenti.

I ragazzi avevano bisogno di un risultato positivo, è arrivato a Picerno. Abbiamo preparato bene questa partita, studiando con attenzione l’avversario. Sappiamo quali sono i loro punti di forza e debolezza. Sono convinto che faremo una buona prestazione.

Infermeria? Oggi Ceccarelli e Zanchi hanno sostenuto il primo allenamento con la squadra, quindi sono della partita ma non titolari. Claiton invece dopo la gara di Picerno ha avuto un affaticamento, niente di che, lo rivaluteremo domani mattina per vedere come sta e se è utilizzabile anche solo per qualche minuto.

Recuperiamo Russini dalla squalifica, perdiamo Calapai, Albertini sta bene. Il resto sono tutti arruolabili.

Novellino è stato il mio allenatore a Napoli, il suo collaboratore Lucenti ha giocato con me. Abbiamo vinto un campionato importante riportando il Napoli in Serie A dopo una bruttissima retrocessione facendo qualcosa d’importante.

Quando si vince ci sono sempre ottimi rapporti e ricordi. Novellino è stato un maestro, sono molto contento di rincontrarlo domani e di sfidarlo. Tra le fila della Juve Stabia c’è anche Raffaele Rubino che è stato il mio Direttore Sportivo a Trapani, la stima grandissima è reciproca. E’ un dirigente preparato.

C’è Evacuo che era con me a Trapani, Tonucci che era qua con me l’anno scorso e con cui ho un ottimo rapporto. Sarà particolare ma la sfida è tra Catania e Juve Stabia, dovremo mettere in campo tutto quello che abbiamo per cercare di batterli.

Moro? Lo conoscevamo, io ho avuto la fortuna di fare settori giovanili importanti, quindi i giovani li conosco. Anche il Direttore Pellegrino è molto bravo nella visione di questi ragazzi. Lo abbiamo studiato nei minimi particolari, sapevamo quanto ci potesse dare anche se all’inizio ha fatto leggermente fatica. Poi negli allenamenti si è conquistato il posto.

Sipos ha fatto due reti e dato il suo contributo, in due hanno siglato 6 gol, stiamo lavorando in maniera importante per farli rendere al meglio. Hanno margini di crescita entrambi.

A Moro dico sempre di non accontentarsi. Ha fatto questi gol perchè ha una disponibilità in non possesso importante, va a pressare tutti, si mette completamente a disposizione della squadra. Se un giorno smettesse di fare questo i gol diminuirebbero.

Lui in coppia con Sipos? E’ una soluzione. Su queste soluzioni e suoi movimenti dei due attaccanti bisogna avere tempo per lavorare, adesso ci siamo concentrati su tante altre cose ma la soluzione è nelle corde di questa squadra.

Russini? E’ stato un peccato perderlo per una partita, perchè sta veramente bene. E’ un giocatore importante come lo sono Ceccarelli, Russotto, Piccolo. Potere alternare questi quattro giocatori è un’arma in più di questa squadra.

Albertini al posto di Calapai? Noi abbiamo delle coppie, finora il titolare è stato Calapai, ma è squalificato e domenica giocherà Albertini – conclude Baldini – che ha smaltito completamente l’influenza virale sostenendo già lunedì il primo allenamento settimanale”.

a cura di Natale Giusti.

Fonte: www.tuttocalciocatania.com