Agguato nel Napoletano, giovane inseguito e ucciso a colpi di pistola tra i clienti di un bar

Paura in via Po a Melito.  E’ il primo omicidio del 2016

Inseguito e ucciso in un bar di Melito. Fuggi fuggi generale, panico, terrore, il titolare del bar che si nasconde in bagno.

La vittima ha appena 25 anni, è senza documenti. Si pensa agli ex scissionisti di Scampia, gli Amato che hanno il fortino a Melito. Ma quando la vittima viene identificata cambia lo scenario: Luigi Di Rupo, residente a Mugnano, era stato arrestato dalla polizia lo scorso 7 febbraio. In via Santi Filippo e Giacomo, ai decumani, in dieci erano stati arrestati durante un summit del clan Sibillo. Ma i dieci riuscirono a liberarsi dìelle pistole gettandole dalle finestre e così a stretto giro erano stati scarcerati.

L’omicidio di Di Rupo si incastona dunque a pieno titolo nelle indagini sull’agguato di piazza Calenda con la morte della vittima innocente Maikol Giuseppe Russo. Un agguato che avrebbero ordinato i Mazzarella che, in guerra con i Giuliano-Sibillo, non sono riusciti a individuare a Forcella un reale nemico da eliminare.

Non è forse un caso che questo sia il primo omicidio del 2016 nel Napoletano, a pochi giorni dall’inizio del nuovo anno e che proprio stamattina a Forcella – Napoli – si sono svolti i funerali di Maikol Giuseppe Russo, 27 anni, vittima innocente di un agguato di camorra il 31 dicembre.

Redazionehttps://vivicentro.it
Siamo la redazione. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Commenta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV


Ultime Notizie

Cinema, al via la prima edizione dell’International Sport Film Festival

International Sport Film Festival: 73 opere cinematografiche provenienti da 26 paesi che raccontano lo sport inteso come strumento di riscatto