“Come tu mi vuoi” di Pirandello, è stato presentato al CTB venerdì 21 ottobre 2022

Alla conferenza stampa di presentazione di “Come Tu Mi Vuoi” erano presenti oltre ai protagonisti di questa nuova produzione CTB e Teatro dell’Elfo Nicola Bortolotti, Lorenzo Fontana, Franca Penone, Elena Russo Arman, assente per malattia Alessandro Mor, anche il Professor Luigi Mahony che fa parte del consiglio d’amministrazione del CTB e il direttore GianMario Bandera.

Seconda produzione in cartellone per la Stagione 2022-2023 firmata dal Centro Teatrale Bresciano, il grande classico di Pirandello Come tu mi vuoi è portato in scena per la prima volta da Invisibile Kollettivo che ne offre una innovativa rilettura.

Un giallo teatrale che ci interroga sulla nostra identità, personale e collettiva, lavorando sui grandi temi della dialettica pirandelliana come lo sdoppiamento tra coscienza e inconscio, l’impossibilità di una conoscenza oggettiva del mondo che ci circonda e, soprattutto, l’importanza che rivestono gli altri per determinare ciò che siamo, o ciò che vorremmo essere.

Come Tu Mi Vuoi Pirandello CTB (2)I protagonisti

Dopo aver portato in scena L’Avversario di Emmanuel Carrère e Open di André Agassi, Nicola Bortolotti, Lorenzo Fontana, Alessandro Mor, Franca Penone ed Elena Russo Arman si misurano con il classico di Pirandello, lavorando a far emergere l’essenza del testo e dei temi più che mai attuali che custodisce, confrontandosi così con un’opera che a cento anni dalla sua composizione sa parlarci con forza sorprendente.

Franca Penone ed Elena Russo impersonificano la stessa donna, due facce e due anime della stessa signora; una donna che si sdoppia , una visione della donna dal punto di vista di un uomo.

Invisibile Kollettivo

Invisibile Kollettivo è una giovane compagnia , nasce nel 2017 composta da attori con vecchia esperienza , formatisi alla scuola del Teatro Stabile di Torino e a quella del Piccolo Teatro di Milano .Tutti sono attori e registi di questo spettacolo.

Adattamento, scene e costumi sono di Invisibile Kollettivo, le musiche di Alessandra Novaga, con le voci di Debora Zuin, Alessandro Quattro e Maria Caggianelli Villani, le luci sono di Cesare Agoni, la consulenza ai costumi è di Bruna Calvaresi, il suono di Marco Gavezzoli, Irene Carera è assistente alla regia di questa produzione Centro Teatrale Bresciano e Teatro dell’Elfo.

La trama di Come Tu Mi Vuoi

Al centro della storia immaginata da Pirandello, è l’enigmatica figura dell’Ignota che ricalca lo stereotipo della fémme fatale nei suoi tratti, all’epoca, tipici.

Nella Berlino hitleriana è Elma, ospite di due sedicenti artisti, padre e figlia. L’Ignota vive in casa loro nella duplice veste di amante del padrone di casa, lo scrittore Carl Salter, e di compagna di giochi erotici di sua figlia, la giovanissima Mop.

Una notte, tornando a casa, seguita da una ciurma di avvinazzati accompagnatori, l’Ignota scopre tra questi un tale Boffi, che le rivela di conoscerla: lei in realtà è Lucia, moglie di un suo caro amico italiano, il friulano Bruno Pieri che, disperato, attende in Italia il ritorno di sua moglie scomparsa dopo i bombardamenti. Qual è la verità?

Scritta nel 1929, ispirata al celebre caso giudiziario dello Smemorato di Collegno, e ambientata tra la Germania e l’Italia del Nord, Come tu mi vuoi unisce gli echi inquietanti di un’Europa reduce dalla Prima guerra mondiale e sull’orlo di un nuovo conflitto a elementi che arrivano direttamente dall’autobiografia dell’autore (in particolare dal suo tormentato rapporto con la “musa” Marta Abba, a cui la commedia è dedicata), e li fonde in un vero e proprio giallo psicologico.

Pur nella fedeltà al testo pirandelliano, in questo nuovo lavoro di Invisibile Kollettivo assistiamo alla composizione di un romanzo teatrale che, a partire dalle domande sull’identità individuale, diventa campo d’indagine per allargare lo sguardo e interrogarsi su di noi, sul pubblico, sulla collettività e sulle suggestioni di un regime che riscrisse sciaguratamente l’identità degli italiani.

Questo nuovo allestimento che andrà in scena al Teatro Sant’Afra di Brescia (Vicolo dell’Ortaglia, 6) dal 26 ottobre al 6 novembre 2022 – tutti i giorni alle ore 20.30, salvo il lunedì e l’1 novembre, giorni di riposo; la domenica ore 15.30.

Lo spettacolo, dopo le recite bresciane, sarà dall’8 al 24 novembre alla Sala Fassbinder di Corso Buenosaires di Milano.

Lo spettacolo è realizzato grazie al sostegno di Ministero della Cultura, Gruppo A2A, Gruppo BCC Agrobresciano, Fondazione ASM, Fondazione della Comunità Bresciana Onlus e Intesa Sanpaolo.

A cura di Elena Cecoro

Commenta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV


Ultime Notizie

Juve Stabia, i risultati del settore giovanile nel weekend

Juve Stabia, i risultati del settore giovanile nel weekend: vittoria per la Primavera contro il Bari e vince anche l'Under 15. Pareggio 1-1 per l'Under 17