Screening neonatale uditivo e visivo: le raccomandazioni dell’OMS

L’OMS raccomanda che “tutti i neonati abbiano accesso allo screening neonatale uditivo e visivo entro il primo mese di vita secondo protocolli standardizzati".

L’OMS raccomanda che “tutti i neonati abbiano accesso allo screening neonatale uditivo e visivo entro il primo mese di vita secondo protocolli standardizzati”. #raccomandazioni #oms #ministerodellasalute #screening #screeningneonatale #udito #vista #20agosto

Screening neonatale uditivo e visivo: le raccomandazioni dell’OMS

Raccomandazioni per lo screening neonatale uditivo e visivo (foto dal Ministero)L’Organizzazione Mondiale della Sanità considera la prevenzione secondaria della sordità e dell’ipovisione, effettuata attraverso l’introduzione di programmi di screening neonatali, la chiave per ridurre drasticamente gli effetti invalidanti delle patologie neurosensoriali congenite più frequenti alla nascita, raccomandando che “tutti i neonati abbiano accesso allo screening entro il primo mese di vita secondo protocolli standardizzati”.

Il Rapporto è stato elaborato nell’ambito delle attività progettuali della Azione Centrale del Centro nazionale per la prevenzione ed il controllo delle malattie (CCM) 2018 del Ministero della Salute Sordità infantile e patologie oculari congenite. Analisi dell’efficacia ed efficienza dei protocolli di screening uditivo e visivo neonatale.

Questa è la prima serie di raccomandazioni nazionali per i professionisti coinvolti nella diagnosi, cura e gestione dello screening dell’udito e della vista che guideranno lo sviluppo di servizi multidisciplinari e politiche pubbliche per migliorare la vita dei neonati. Il documento fa riferimento all’art. 38 del DPCM 12 gennaio 2017 di definizione dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) e fornisce una panoramica, seppur non esaustiva, sulla attuale organizzazione del sistema screening nel suo insieme e sui potenziali ambiti di implementazione.

Nell’ambito delle attività progettuali svolte a garanzia dell’obiettivo generale e degli obiettivi specifici previsti dall’Azione centrale CCM citata, l’Unità Operativa di coordinamento dell’Istituto Superiore di sanità- ISS, in stretta collaborazione con l’Unità Operativa dell’Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche- INAPP e il Comitato Tecnico Scientifico – CTS, istituito durante i lavori, ha ritenuto necessario implementare la formazione degli operatori sanitari impegnati in programmi di screening uditivo e visivo neonatale su tutto l’ambito nazionale.

Corso di Formazione a Distanza (FAD) per i professionisti sanitari

Con l’obiettivo di diffondere tra i professionisti sanitari impegnati nel settore le conoscenze sulle ipoacusie e ipovisioni congenite, sulle loro cause e sulle procedure tecniche degli screening neonatali uditivo e visivo, il Centro Nazionale Malattie Rare (ISS) e il Servizio di Formazione (ISS), in collaborazione con l’Istituto Nazionale per le Analisi delle Politiche Pubbliche (INAPP), hanno organizzato il Corso di Formazione a Distanza (FAD) sullo Screening neonatale uditivo e visivo.

Il corso FAD è gratuito, disponibile su piattaforma EDUISS dal 30 maggio 2022 al 21 dicembre 2022 ed è previsto l’accreditamento ECM per tutte le professioni sanitarie.

Il programma è disponibile sul sito dell’Istituto Superiore di Sanità al link della piattaforma  EDUISS

Le iscrizioni sono aperte fino al 14 Dicembre 2022

Screening neonatale uditivo e visivo: le raccomandazioni dell’OMS

Commenta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ULTIME NOTIZIE

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV