27.4 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

sabato, Agosto 13, 2022

Umanità Disperata

Da leggere

Redazionehttps://vivicentro.it
Siamo la redazione. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!
Umanità Disperata Il fenomeno dell’immigrazione per mare e’ aumentato (vedi documentazione video) di pari passo con la chiusura delle frontiere degli Stati Europei, a seguito dell’adozione di un regime di visti particolarmente restrittivo nei confronti di Paesi poveri e martoriati da guerre.

In questi ultimi anni, un’ Umanità disperata e’ alla ricerca di un rifugio sicuro, lontano dagli orrori della guerra.

In Sicilia, i centri d’accoglienza sono al collasso, Prefetti, Sindaci, Protezione civile, Associazioni umanitarie, non sanno piu’ a che Santo votarsi, si cerca ogni possibile soluzione per offrire ai profughi un tetto, un pasto caldo.
Altre Nazioni pensano di risolvere il problema  innalzando a protezione dei loro confini barriere e chilometri di filo spinato, si sbagliano, la disperazione porta al coraggio, ne basta poco per superare ogni barriera.

Fra qualche giorno non si potra’ piu’ valicare il Brennero, le Autorita’ Austriache stanno provvedendo a chiudere il proprio confine, le rimostranze del nostro Governo contro questa decisione si sono dimostrate inefficaci, Renzi fa la voce grossa, ma sembra che nessuno lo ascolti.
In Italia continuano gli sbarchi, 7000 in questi ultimi 2 giorni, un flusso incontrollato di migranti che tendera’ ad aumentare quando le condizioni del mare saranno ottimali. I morti durante i naufragi sono gia’ migliaia, non si avranno mai dati certi sul loro numero,
I profughi sono persone che hanno visto e subito di tutto e ancora di piu’, le loro vicissitudini sono inenarrabili, non hanno niente da perdere, che differenza c’e’ tra morire sotto i bombardamenti, tra le rovine delle proprie case, essere decapitati dalla follia dei jihadisti o tra le onde del mare, per loro nessuna.
E’ vero, e’ iniziato il rimpatrio delle persone che non provenivano dai territori martoriati dalla guerra,bisognava fare un distinguo tra migranti economici e rifugiati politici; fra quelli economici ne sono stati espulsi solo poche decine, il problema di quelli politici continua a persistere nella sua gravita’.

Aver dato alla Turchia 7 Miliardi di euro per contenere il flusso migratorio non portera’ a risultati significativi, ne’ tantomeno dare eurobond agli Stati confinanti con i Paesi in guerra, risolvera’ il problema.

Nel Mondo si vive nel terrore di nuovi attentati, l’Isis ne rivendica uno su due, anche per questo i migranti bisognerebbe controllarli uno per uno, se si pensa che in mezzo a loro possano traghettare i terroristi. ma non e’ facile visto che la maggior parte di essi non ha documenti o quelli che potrebbero compiere degli attentati, posseggono sempre documenti falsi.
Papa Francesco ieri e’ stato a Lesbo, isola greca emblema dell’emergenza e ha riportato con se 12 profughi, saranno ospitati dalla Comunita’ di Sant’Egidio, forte e’ stato il suo grido di dolore inviato a tutte le Nazioni. Cosa risponderanno? penseranno sempre al proprio orticello, o capiranno che la vita umana e’ sacra e va difesa costi quel che costi?
Bisogna cercare delle soluzioni che siano degne per il genere umano, e’ una priorita’ assoluta verso cui nessuno puo’ tirarsi indietro. Speriamo che le parole di Papa Francesco non si perdano nell’etere dell’indifferenza.

vivicentro.it-opinione / Umanità Disperata (Lo Piano – Saint Red)

Video dell’ultimo soccorso. 

QUI troverai l’archivio degli articoli e dei video sui soccorsi della Guardia Costiera

Copyright vivicentro common

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy