Juve Stabia Picerno Voti
Juve Stabia Picerno Voti

Juve Stabia – Picerno (2-3). I voti ai calciatori gialloblè

La Juve Stabia non riesce a sbloccarsi in casa con il Picerno ma anzi subisce la seconda sconfitta consecutiva in campionato dopo quella con il Catania. Sconfitta che costa cara a Mister Novellino sollevato dall’incarico di allenatore. Vespe che vedono avvicinarsi pericolosamente la zona play out (distante solo 3 punti). Nessuno dei calciatori gialloblè in campo si guadagna la sufficienza.

Questi i voti ai calciatori in gialloblè dopo la gara Juve Stabia – Picerno:

Lazzari 4: Torna in campo e lo fa nei peggiori dei modi uscendo male sul primo tentativo dell’avversario che lo buca sotto le gambe per il vantaggio degli avversari, e anche sul terzo gol subito la palla attraversa tutta l’area piccola, più in generale non lucido come tutta la squadra.

Cinaglia 5: Dalle sue parti passa di tutto ci mette corsa e volontà ma non basta bisogna avere altre qualità che probabilmente ha, ma oggi sono rimaste nello spogliatoio.

Tonucci 5: Rimedia subito un giallo gratuito, ci mette fisico e esperienza ma sul pressing avversario è sovente in difficoltà come il resto di tutta la retroguardia .

Caldore 5: Spaesato e in difficoltà non vive e non fa vivere un bel pomeriggio alla sua squadra, specialmente nel perdere palla a centrocampo e regalare all’avversario il via alla corsa che li porta in vantaggio.

Donati 5: Un pesce fuor d’acqua, uno spettatore non pagante che si regala a scapito della propria squadra una domenica da gita fuori porta

Davi’ 5,5: Dove sta il vero Guido Davi’ dispiace constatarlo ma oggi si perde anche lui con il resto del centrocampo a subire l’iniziativa dell’avversario sempre primo su ogni pallone

Berardocco 5: Oggi più lento del solito nel controllare il pallone e nel proporlo per i compagni, partecipa in maniera velenosissima al raddoppio degli avversari perdendo un facile pallone.

Altobelli 5,5: È l’unico che dà la sensazione che qualcosa possa cambiare da un momento all’altro, ma la sensazione rimane tale e il solo fisico e determinazione non basta per invertire oggi un trend super negativo

Rizzo 5,5: Dov’è finito l’esterno che salta l’uomo e fa sua la fascia di competenza con continuità?? Oggi al pari della squadra fa molta difficoltà ad essere presente per tutti i 90 minuti. Anche lui non si guadagna la sufficienza.

Eusepi 5,5: ha avuto dalla sua quel senso della posizione che sul primo angolo battuto bene dall’inizio del campionato si è fatto trovare pronto per la battuta a rete ma che ha poi sofferto la mancanza di rifornimenti in attacco degni di tale nome.

Panico 5: un guizzo e niente più, troppo poco per uno che dalla sua esperienza ci si aspetta di più, molto di più. Tantissimo fumo, ma proprio tanto, e arrosto che oggi è andato tutto meritatamente all’avversario.

Bentivegna (dal 36’) 4,5: non arriva nulla di buono dalla panchina, mr. Novellino lo manda in campo al posto di Donati, ma anche lui fa fatica a trovare l’interruttore per accendere un po’ di luce

Evacuo (dal 58’) 5: carica i ragazzi appena entra ma non incide più di tanto come avrebbe voluto lui e come tutti i tifosi al Menti si aspettavano

Schiavi (dal 76’) 5: entra per coprire una zona di campo sicuramente non tradizionalmente sua, cerca comunque di portare qualche pallone giocabile avanti ma con scarsissimi risultati.

Mr. Novellino 4,5: non ne becca una ad iniziare dalla formazione iniziale affidandosi a centrocampo a due mastini e un trequartista quando giochi in casa contro una squadra composta per trequarti da elementi di serie D e che arrivava al Menti dopo 3 sconfitte e soli 3 gol fatti dall’inizio del torneo. A parte questo approccio molle e inconsistente della squadra dettata da una preparazione alla gara scadente e che soffre dall’inizio alla fine la bravura tattica di mr. Palo che si è affidato ad un pressing a tutto campo e le ripartenze sugli errori dell’avversario che ormai è diventato il marchio di fabbrica di questa derelitta Juve Stabia che dopo questa prestazione si candida a vera cenerentola del girone.

A cura di Giovanni Donnarumma

Ascolta la WebRadio