35.9 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

domenica, Giugno 26, 2022

Il Cremlino ha lanciato una offensiva nell’Ucraina orientale

Da leggere

Il Cremlino ha lanciato una offensiva per l’est dell’Ucraina. Una raffica di missili in tutto il paese ha colpito anche la città di Leopoli, nell’Ucraina occidentale. Gli Stati Uniti affermano: La Russia impara dagli errori.

il presidente Volodymyr Zelensky, riferendosi alla regione orientale contesa che molti analisti si aspettano vedrà alcuni dei combattimenti più sanguinosi della guerra, con un videomessaggio ha detto:

«Ora possiamo affermare che le forze russe hanno iniziato la battaglia per il Donbas che si stavano preparando da molto tempo»,

A sua volta, Oleksiy Danilov, segretario del Consiglio per la sicurezza e la difesa nazionale dell’Ucraina, ha affermato che le forze russe hanno attaccato lungo quasi l’intera linea del fronte a Donbas e Kharkiv, sfondando in due piccole città.

Il Pentagono non ha contraddetto la valutazione ucraina, ma ha adottato un approccio più cauto, con il portavoce John Kirby che ha affermato che i russi «stanno plasmando e ponendo le condizioni per future operazioni offensive» con centinaia di attacchi missilistici e sbarramenti di artiglieria.

Allo stesso tempo, la relativa calma di cui l’Ucraina occidentale ha ampiamente goduto dopo oltre 50 giorni di guerra è andata in frantumi quando i missili russi hanno colpito la città di Leopoli, uccidendo almeno sette persone e ferendone 11, compreso un bambino.

Il presidente Volodymyr Zelensky in un videomessaggio, riferendosi alla regione orientale contesa che molti analisti si aspettano vedrà alcuni dei combattimenti più sanguinosi della guerra, segnala che funzionari regionali hanno affermato che sono state le prime morti registrate all’interno dei confini della città, che è stata un rifugio sicuro per gli sfollati ucraini e i diplomatici stranieri, nonché per gli operatori umanitari e i giornalisti.

Funzionari ucraini hanno affermato che le forze russe hanno colpito un magazzino militare e una stazione di servizio commerciale dove i conducenti locali si recano per riparazioni di pneumatici e autolavaggi.

In un hotel vicino alla stazione di servizio, il 32enne Kostiantyn Pospelov ha detto che si preparava a correre quando ha sentito delle esplosioni, ma ha avuto solo il tempo di infilarsi la giacca e un calzino prima che un’altra esplosione facesse esplodere le finestre e scuotesse l’hotel.

Pospelov stava lì con circa 80 altri ospiti che erano arrivati ​​nell’ultimo mese da città duramente colpite nel sud e nell’est.

Decine di famiglie hanno cercato rifugio nell’hotel, ha raccontato il manager Volodymyr Tereshko.

Le tende svolazzavano fuori dai buchi che erano stati fatti alle finestre delle stanze degli ospiti.

“Nessun militare! Gente civile! Bambini! Padri, madri”,

ha detto Tereshko, insistendo sull’inglese in modo che la gente in Occidente capisse chi stava pagando il prezzo dell’assalto della Russia.

L’attacco di lunedì ha perforato quella bolla di vita normalem che si cominciava a vedere a Leopoli.

I residenti che hanno affermato di scrollarsi di dosso le sirene dei raid aerei sono entrati nei bunker sotterranei, dove si sono scambiati messaggi di Telegram in cerca di informazioni sulle esplosioni.

Il sindaco di Leopoli Andriy Sadovyi ha dichiarato sui social media che l’intero Paese è vulnerabile all’assalto russo: “Oggi in Ucraina non ci sono città sicure e non sicure”.

Sulla scena dell’attacco, i vigili del fuoco hanno spento le fiamme e le squadre di emergenza hanno raccolto, tra le macerie dell’edificio a due piani, il cui tetto ora è stato strappato via, i corpi delole vittime.

Anche gli edifici più piccoli del sito sono stati gravemente danneggiati.

Evgenii Laziuk, 49 anni, che vive nella zona, ha scosso la testa guardando le rovine di quello che ha definito un obiettivo “completamente civile”: il proprietario del negozio è ben noto nella comunità, un padre di cinque figli la cui famiglia allargata è coinvolta nell’attività.

“È come avere un grande portafoglio e buttarlo via. Stava nutrendo la sua famiglia con esso, e ora non gli è rimasto più nulla”.

Nonostante l’attacco a una struttura civile, il Pentagono ha comunque affermato che gli attacchi di lunedì sembravano essere mirati a obiettivi militari e non indicavano che la Russia stava espandendo la sua guerra nell’Ucraina occidentale.

Eppure, a sud, le forze russe hanno continuato il loro devastante assalto alla strategica città portuale di Mariupol, concentrandosi su un vasto complesso industriale che ospita l’acciaieria Azovstal.

Mosca aveva imposto una scadenza per la resa delle forze ucraine, ma da lunedì si erano rifiutate.

Volyna, un comandante ucraino che sta ancora combattendo a fianco dei soldati in città, ha rivolto un disperato appello ai leader occidentali, incluso il presidente Biden, per chiedere aiuto per evacuare i civili nascosti nei bunker militari:

«Chiediamo ai politici mondiali, alle personalità pubbliche e religiose di non essere indifferenti alle persone che sono cadute nella trappola di Mariupol contro la loro volontà»,

ha scritto Volyna nella lettera condivisa anche su Twitter da un funzionario cittadino di Kiev.

Il primo ministro ucraino, Denys Shmyhal, ha dichiarato domenica che le ultime forze a Mariupol «combatteranno fino alla fine». »

Il Pentagono afferma che le forze russe stanno imparando dal loro fallito assalto a Kiev mentre si spostano nel Donbas, nel tentativo di evitare il ripetersi degli errori precedenti.

«Si stanno muovendo con l’artiglieria pesante, si stanno nei posti di comando e controllo, si stanno muovendo nell’aviazione»,

ha detto l’alto funzionario della difesa che ha aggiunto:

«La mancanza di parti, sta compromettendo la fattibilità di diversi sistemi d’arma russi, comprese le munizioni a guida di precisione.»

«Hanno già affrontato un problema in termini di ricostituzione del loro inventario a causa di componenti di alcuni di questi sistemi», ed ora la Russia ha anche «preoccupazioni su quanto velocemente e quanto possano aumentare la propria produzione interna di difesa articoli».

«In vista dei previsti pesanti combattimenti nell’est, l’amministrazione Biden ha promesso ulteriori 800 milioni di dollari in assistenza alla sicurezza all’Ucraina.»

«Come parte di quel pacchetto, le forze statunitensi nei prossimi giorni inizieranno ad addestrare membri selezionati delle forze armate ucraine su obici di fabbricazione americana.»

L’abbattimento di due aerei con carichi d’armi per gli ucraini.

Un alto funzionario della difesa degli Stati Uniti, parlando a condizione di anonimato nei termini stabiliti dal Pentagono, ha negato che gli attacchi russi abbiano colpito qualsiasi spedizione di armi dagli Stati Uniti o da altri alleati dell’Ucraina.

Il funzionario, in conclusione, ha aggiunto che:

«Le armi, estratte dall’inventario del Pentagono, includeranno diciotto obici da 155 millimetri e 40.000 colpi di artiglieria»

«L’amministrazione, da quando ha annunciato il pacchetto di sicurezza mercoledì scorso, ha già effettuato quattro voli per la consegna di equipaggiamento all’Ucraina»

«Il Pentagono non prevede che ci vorrà molto per addestrare gli ucraini all’uso degli obici. »

Gli addestramenti si svolgeranno al di fuori dell’Ucraina e saranno forniti alle forze ucraine che potranno quindi tornare e addestrare altri, in un programma che il Pentagono descrive come «addestrare gli addestratori». »

Metti “mi piace” alla nostra pagina Facebook!

Cristina Adriana Botis / Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy