Putin dichiara che, domani, firmerà l’annessione delle 4 province ucraine

Violando il diritto internazionale, Putin afferma che domani, venerdì 30 Settembre, firmerà l'annessione delle 4 regioni ucraine oggetti di un Referendum farsa. #Putin #farsa #referendum #annessione #4province #ucraina

LEGGI ANCHE

Violando il diritto internazionale, Putin afferma che domani, venerdì 30 Settembre, firmerà l’annessione delle 4 regioni ucraine oggetti di un Referendum farsa. #Putin #farsa #referendum #annessione #4province #ucraina

Putin dichiara che domani firmerà l’annessione delle 4 province ucraine

Il presidente russo Vladimir Putin agirà, formalmente, venerdì per impadronirsi di quattro regioni ucraine firmando documenti che il Cremlino chiama “trattati di adesione”.

La cerimonia della firma, che avrà luogo nel Gran Palazzo del Cremlino, segna il tentativo di Putin di annettere le regioni di Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia, anche se la Russia non le controlla del tutto militarmente o politicamente.

La mossa, a dispetto dei severi avvertimenti internazionali, incluso il presidente Biden, potenzialmente sbatte la porta alla diplomazia per gli anni a venire e quasi certamente assicura un’ulteriore escalation della guerra in Ucraina.

Kiev insiste sul fatto che si batterà per rivendicare tutte le sue terre e gli alleati occidentali promettono di inviare più armi e assistenza economica.

In una forte dichiarazione di mercoledì, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha denunciato la Russia per aver violato il diritto internazionale.

Definendolo un “momento di pericolo”, Guterres ha affermato:

“La Carta delle Nazioni Unite è chiara. Qualsiasi annessione del territorio di uno stato da parte di un altro stato risultante dalla minaccia o dall’uso della forza costituisce una violazione dei principi della Carta delle Nazioni Unite e del diritto internazionale”.

“La Federazione Russa, in quanto uno dei cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza, condivide una particolare responsabilità di rispettare la Carta”, ha proseguito Guterres. “Qualsiasi decisione di procedere con l’annessione delle regioni ucraine di Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia non avrebbe alcun valore legale e merita di essere condannata”.

La recente dichiarazione di Putin di una parziale mobilitazione militare, intesa ad attivare centinaia di migliaia di rinforzi per il dispiegamento in Ucraina, e il sabotaggio questa settimana di due gasdotti Nord Stream nel Mar Baltico hanno suscitato il timore che il leader russo si stia preparando per un lungo conflitto ibrido con la NATO.

La Russia ha anche avvertito che potrebbe utilizzare un’arma nucleare per difendere le regioni ucraine una volta assorbite dalla Russia, sulla base del fatto che considererebbe un attacco alle sue forze lì come un attacco al territorio russo.

Allo stesso modo, Putin potrebbe usare tali attacchi per dichiarare la legge marziale, mettendo l’economia e la società russe completamente su un piede di guerra.

L’accaparramento di terre di Putin, che è una palese violazione del diritto internazionale, isolerà ulteriormente la Russia, innescando nuove sanzioni occidentali. Ma Putin sembra comunque sperare che una lunga e brutale guerra finirà per logorare il sostegno occidentale all’Ucraina e ridurre gli aiuti militari ed economici che stanno fornendo un’ancora di salvezza a Kiev.

Uno dei pochi canali diplomatici praticabili rimasti è quello tra Russia e Turchia, ma anche il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che ha aiutato a mediare un recente scambio di prigionieri tra Russia e Ucraina, ha espresso disapprovazione per i recenti passi di Putin.

Dopo che la Russia ha orchestrato i referendum con risultati non plausibili rivendicando un sostegno schiacciante all’annessione, Erdogan ha affermato che il voto ha portato “problemi” e si è lamentato del fatto che il conflitto non fosse stato risolto attraverso la diplomazia.

Erdogan avrebbe dovuto parlare con Putin giovedì tardi, probabilmente troppo tardi per convincerlo a cambiare rotta se fosse mai stato possibile.

“Questo tipo di iniziative mettono a dura prova gli sforzi diplomatici e portano all’approfondimento dell’instabilità”, ha detto Erdogan, riferendosi ai referendum organizzati e alla mobilitazione militare.

I leader per procura della Russia delle regioni parzialmente occupate si sono recati a Mosca mercoledì prima della firma dei cosiddetti trattati di adesione.

E in segno di trambusto a Mosca, il canale di notizie controllato dallo stato Rossiya 24 ha iniziato a trasmettere un conto alla rovescia, mostrando le ore e i minuti fino all’annuncio programmato di Putin alle 15:00 ora locale (10:00 est).

Il parlamento ufficiale russo, che si riunirà lunedì e martedì, è certo di approvare i trattati e quindi adottare emendamenti alla costituzione per formalizzare l’annessione, in un processo che rispecchia quello dell’annessione illegale della Crimea da parte della Russia nel 2014.

Aggiungendo un pizzico di teatro patriottico ai lavori di venerdì, il Cremlino ha annunciato che venerdì si terrà un concerto di gala nella Piazza Rossa dopo la firma dei trattati.

Il concerto imita un evento simile nel 2014, quando Putin è apparso sul palco dopo che la Russia aveva conquistato la regione della Crimea in Ucraina. Faceva parte di uno sforzo per suscitare l’euforia pubblica per la bonifica della penisola, che la maggior parte dei russi considerava storicamente appartenente a loro.

L’annessione della Crimea, una popolare destinazione turistica russa, ha spinto il tasso di approvazione di Putin a un record dell’89% nel 2015. Ma è improbabile che il sentimento pubblico sia così forte per l’acquisizione delle quattro nuove regioni.

Molteplici battute d’arresto russe nella guerra hanno messo in luce la cattiva forma dell’esercito russo e hanno lasciato Putin più vulnerabile che in qualsiasi momento in carica.

È stato criticato da destra da falchi pro-guerra furiosi per i passi falsi militari e per la mobilitazione pasticciata, e da sinistra da oppositori della guerra.

Più di 200mila russi sono fuggiti dal Paese negli ultimi giorni per sfuggire alla parziale mobilitazione.

Un’ondata di soldati russi appena mobilitat che già arrivano in Ucraina con una preparazione relativamente scarsa probabilmente non sarà sufficiente perché Mosca lanci offensive nelle prossime settimane per ottenere il pieno controllo delle regioni che sta annettendo, secondo esperti militari, ma potrebbero aiutare la Russia mantenere il territorio durante l’inverno.

Cronaca / Fonte: The Waschington Post

Villa, l’allenatore del Francavilla avversario della Juve Stabia

Alberto Villa è l'allenatore della Virtus Francavilla che domenica alle 20 affronterà la Juve Stabia allo stadio Nuovarredo
Pubblicita

Ti potrebbe interessare