Minaccia nucleare, il mondo contro Putin: così sui giornali in USA e GB

Putin è disperato: Minaccia il nucleare e richiama 300.000 riservisti: così sui giornali in USA (Washington Post) e in Inghilterra (Guardian) #Putin, #Ucraina, #Guerra, #Territoriale, #Integrità, #Nostra, #Russia, #Presidente #Ministro, #Truss,  #Nazioni, #Sicurezza, #Primo, #Riservisti

Putin Vladmir, Russia 1- Depositphotos_410277082_LPutin è disperato: Minaccia nucleare e richiamo di 300.000 riservisti: così sui giornali in USA (Washington Post) e in Inghilterra (Guardian).
#Putin, #Ucraina, #Guerra, #Territoriale, #Integrità, #Nostra, #Russia, #Presidente #Ministro, #Truss,  #Nazioni, #Sicurezza, #Primo, #Riservisti

Minaccia nucleare, il mondo contro Putin: così sui giornali in USA e GB

The Washington Post
Opinion by the Editorial BoardIl conflitto in Ucraina: vladmir putin (foto free common CC)Putin è disperato.  L’Ucraina e l’Occidente devono mantenere la pressione.Sebbene il presidente russo Vladimir Putin abbia spesso affermato che la sua «operazione militare speciale» in Ucraina stava procedendo come previsto, i fatti sul campo hanno detto il contrario per mesi.

La prova recente più drammatica è la controffensiva ucraina nella parte nord-orientale del paese, in cui le forze di Kiev, in questo mese, hanno riconquistato più di 3.000 chilometri quadrati poiché molte delle truppe del Cremlino sono fuggite.

Pertanto Putin, senza ammetterlo apertamente, ha cambiato tattica.

In un discorso televisivo straordinario trasmesso mercoledì, ha annunciato una mobilitazione parziale che richiamerebbe 300.000 riservisti e prolungherebbe con la forza i contratti di quelli già in Ucraina,  oltre a nuove dure sanzioni per chiunque si rifiuti di combattere.

Ha poi posto le basi per l’annessione delle aree occupate dell’Ucraina, il ché, nel suo modo di vedere le cose, renderebbe quelle regioni territorio sovrano che Mosca sarà poi tenuta a difendere.

Più minacciosamente, ha affermato che, per contrastare le minacce alla sua «integrità territoriale», la Russia «userà sicuramente tutti i mezzi a nostra disposizione» – un’ovvia allusione al suo arsenale nucleare – aggiungendo: «Questo non è un bluff».

Il presidente Biden e i leader di altre nazioni che sostengono l’Ucraina devono prendere tutto questo sul serio anche se non lo prendono alla lettera.

Sì, Putin sembra alzare la posta in gioco; ma allo stesso tempo, ha insinuato che la Russia stava ridimensionando i suoi obiettivi di guerra dall’ex «denazificazione» di tutta l’Ucraina, alla mera protezione delle presunte terre russe tradizionali nella regione sud-orientale del Donbas.

In effetti, Putin ha cercato di riformulare la sua guerra aggressiva come reattiva.

«L’integrità territoriale della nostra madrepatria, la nostra indipendenza e libertà saranno difese», ha affermato .

Queste sono le parole ipocrite e indietreggiate di un dittatore che ha fatto male i suoi calcoli cercando di distruggere l’integrità territoriale dell’Ucraina e che si trova ad aver bisogno di una nuova giustificazione per la guerra.

Mentre le sue perdite sul campo di battaglia aumentano, Putin sta mettendo a dura prova la pazienza sia degli intransigenti russi che avevano sostenuto la sua guerra, sia dei principali paesi non occidentali che l’avevano assecondata.

Quest’ultima categoria comprende Cina e India, i cui rispettivi leader hanno segnalato la loro insoddisfazione nei confronti di Putin in una recente conferenza multinazionale in Uzbekistan.

Un altro partecipante a quell’incontro, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha affermato che ci deve essere la pace e il ritorno all’Ucraina del suo territorio ucraino, inclusa la Crimea, sequestrata nel 2014.

Per quanto riguarda il popolo russo,  migliaia di loro hanno risposto al nuovo piano di Putin affollandosi al Confine finlandese, in fila per i biglietti aerei di sola andata e protestando in diverse città.

La parte seria è infatti la richiesta di rinforzi militari e il tintinnio della sciabola nucleare.

Sarebbe negligente presumere che Putin non utilizzerà il primo per far continuare il combattimento il più a lungo possibile, o il secondo, se si arrivasse a questo, per compensare l’inettitudine delle sue forze convenzionali.

Messo alle strette, potrebbe essere più pericoloso.

Tuttavia, in termini pratici, né più truppe né armi nucleari possono essere utilizzate immediatamente in modo efficace.

Il lasciarsi intimidire e non prepararsi al caso in cui Putin mettesse in atto le sue minacce, sarebbe l’unica cosa peggiore che l’Occidente potrebbe fare.

«Saremo solidali contro l’aggressione della Russia».

Questa era ed è la politica vincente, come confermano le parole e le azioni disperate di Putin in modo inverso, ma inequivocabile.

THE GUARDIAN
Pippa Crerar in New YorkPutin Vladmir, Russia 1- Depositphotos_410277082_LLiz Truss respinge le minacce nucleari di Putin come un segno di disperazioneLiz Truss ha liquidato l’avvertimento di Vladimir Putin secondo cui la Russia utilizzerà «tutti i mezzi a nostra disposizione» per proteggersi, come un «rumore di sciabole», avvertendo nel suo discorso all’ONU: «Questo non funzionerà».

Le minacce del presidente russo in un discorso televisivo alla nazione sembravano suggerire che il conflitto in Ucraina potrebbe trasformarsi in una crisi nucleare, provocando una risposta furiosa da parte dei leader mondiali, guidati dal presidente degli Stati Uniti, Joe Biden.

Il nuovo primo ministro del Regno Unito, che si è rivolto all’ONU a New York poche ore dopo un discorso virtuale del presidente dell’Ucraina , Volodymyr Zelenskiy, ha esortato i leader mondiali a non «mollare» i rapporti con Putin nonostante le preoccupazioni interne sull’aumento dei prezzi dell’energia.

«Per la prima volta nella storia di questa assemblea ci incontriamo durante una guerra di aggressione su larga scala in Europa», ha affermato. «E gli stati autoritari stanno minando la stabilità e la sicurezza in tutto il mondo.

La geopolitica sta entrando in una nuova era, quella che richiede a coloro che credono nei principi fondanti delle Nazioni Unite di alzarsi in piedi ed essere contati».

Ha detto del discorso del presidente russo: «Questa mattina abbiamo visto Putin cercare di giustificare i suoi catastrofici fallimenti.

Sta raddoppiando inviando ancora più riservisti a un terribile destino.  Sta cercando disperatamente di rivendicare il mantello della democrazia per un regime senza diritti umani o libertà.

E sta facendo ancora più affermazioni fasulle e minacce sferraglianti. Questo non funzionerà».
Truss ha usato il suo discorso anche per evidenziare la continua lotta, con al centro la sicurezza economica, tra democrazie e autocrazie.

«Se le società democratiche non manterranno l’economia e la sicurezza che i nostri cittadini si aspettano,  rimarremo indietro», ha affermato.

«Dobbiamo continuare a migliorare e rinnovare ciò che facciamo per la nuova era, dimostrando ciò che la democrazia offre».
Il primo ministro britannico ha anche promesso di «sostenere o aumentare il nostro sostegno militare all’Ucraina,  per tutto il tempo necessario».
In precedenza, in una dichiarazione congiunta con la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, Truss ha aggiunto che la mobilitazione militare russa, con 300.000 riservisti da chiamare mentre il Cremlino tenta di riconquistare terreno di fronte a un contrattacco delle forze ucraine, è stata «una dichiarazione di debolezza».

Giovedì il ministro degli Esteri, James Cleverly, affronterà il suo omologo russo Sergei Lavrov in una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, dove illustrerà come le forze russe continuano a violare il diritto internazionale ed esporrà come Mosca intende correggere i risultati della farsa del referendum nei territori occupati.
Ci si aspetta che dica: «Possiamo e dobbiamo chiarire al presidente Putin che i suoi attacchi alla volontà sovrana del popolo ucraino – espresso così chiaramente mentre lotta per le proprie case – devono cessare.

I suoi assalti alla Carta delle Nazioni Unite e alle norme internazionali che ci proteggono non saranno tollerati e dovrà ritirarsi dall’Ucraina per consentire un ritorno alla stabilità regionale e globale».

In qualità di ministro degli Esteri, Truss si è recata a Mosca per incontrare Lavrov a febbraio, poche settimane prima dell’invasione dell’Ucraina, ma i rapporti erano glaciali con l’alto diplomatico russo che ha descritto i colloqui come una conversazione tra «i muti con i sordi»,  poiché ha avvertito Mosca di severe sanzioni in caso di attacco all’Ucraina.
I funzionari britannici stanno trattando molto seriamente la minaccia di Putin di usare armi nucleari, sia in termini di difesa, ma anche come un altro esempio di violazione degli accordi internazionali da parte della Russia.
Eppure escludono di impegnarsi in una battaglia di parole con il presidente russo, che secondo loro è sottoposto a crescenti pressioni in patria dopo aver tentato di mobilitare i riservisti che hanno cercato di raggiungere gli aeroporti di tutta la Russia.

 

Minaccia nucleare, il mondo contro Putin: così sui giornali in USA e GB

Commenta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ULTIME NOTIZIE

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV