Assalto al parlamento a Brasilia: Arrestati in 1.200

Dopo l’Assalto al parlamento a Brasilia* Bolsonaro dov’è? Si ipotizza che l’ex presidente intenderebbe espatriare in l’Italia, patria dei nonni e con governo, pensa, di “amici”.

LEGGI ANCHE:

  1. La condanna del mondo all’assalto in Brasilia
  2. Caos in Brasile: Brasilia come Capitol Hill, l’assalto dei Bolsonariani
  3. Assalto al Parlamento Brasiliano: la reazione internazionale

Assalto al parlamento a Brasilia: Arrestati in 1.200

Il 9 gennaio 2023, il parlamento di Brasilia è stato oggetto di un assalto da parte di sostenitori di Jair Bolsonaro, ex presidente del Brasile. La polizia ha arrestato oltre 1.200 persone in seguito all’attacco. Al momento, non è chiaro quali siano stati i motivi dell’assalto o quali saranno le conseguenze per i coinvolti. [1]

Secondo fonti locali, gli attacchi sono stati condotti contro le sedi delle istituzioni democratiche del paese, e sono stati condannati sia dall’attuale presidente che dal ministro della giustizia. Il governatore di Brasilia, Ibaneis Rocha, è stato esautorato dalla Corte Suprema a seguito degli eventi. [2] [3]

Il ministro della giustizia, Flavio Dino, ha dichiarato che oltre 200 persone sono state arrestate in seguito agli attacchi, mentre il governatore Rocha ha parlato di un “tentativo di golpe” da parte dei sostenitori di Bolsonaro. La situazione rimane tesa a Brasilia, e si spera che le autorità possano presto fare chiarezza sugli eventi di questi giorni e riportare la pace e la stabilità al paese.

Intanto, dal portale O Globo, si appende che Bolsonaro,  l’ex presidente, è stato ricoverato in un ospedale fuori Orlando, in Florida, per forti dolori addominali.

Non è chiaro [4] se Bolsonaro intenda restare ora negli Usa – dove dalla sinistra democratica già arrivano appelli all’estradizione in caso di richiesta – o se la Florida sia piuttosto tappa verso un espatrio definitivo.

Nei giorni scorsi sono state rilanciate notizie di una richiesta di cittadinanza presentata all’ambasciata d’Italia a Brasilia, non confermata dalla sede diplomatica.

Bolsonaro, infatti, sembra che chiederebbe la cittadinanza come discendente di italiani emigrati in Brasile. I nonni erano italiani, come d’altronde milioni di brasiliani, quello paterno – Angelo Bolzonaro – era originario di Anguillara Veneta, il piccolo centro del padovano che ha concesso all’ex presidente brasiliano la cittadinanza onoraria.

Intanto gli Usa fanno sapere che non hanno ricevuto richiesta di estradizione dal Brasile.

  • * According to the web search results, there was an attack on the parliament building in Brasilia, the capital of Brazil, on January 9, 2023. The attack was reportedly carried out by supporters of former Brazilian President Jair Bolsonaro. In response to the attack, police arrested more than 1,200 people. It is not clear at this time what motivated the attack or what the consequences will be for those involved

FONTI

[1] “Intanto, mentre salgono a oltre 1.200 le persone arrestate, reazioni allassalto – molto simile a quello messo in atto a Capitol Hill nel gennaio 2021 dai sostenitori di Donald Trump dopo l …”

[2] “Resta ora da vedere se lassalto ai palazzi del governo di Brasilia da parte dei suoi sostenitori gli faranno cambiare programma. 9 Gen 2023 11:46 Senatori al Congresso allalba: attendono …”

[3] “In Brasile è caccia ai suppoter di Bolsonaro dopo lassalto al Parlamento e alla Corte Suprema. Circa 1.200 persone sono state infatti fermate dopo lo sgombero dellaccampamento che era stato …”

[4] L’ex presidente brasiliano Jair Bolsonaro non ha atteso la fine ufficiale del suo mandato per lasciare il Paese e il 29 dicembre è volato in Florida, dove ha preso alloggio in un compound residenziale di lusso, l’Encore Resort at Reunion di Orlando

Commenta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV


Ultime Notizie

Disegno di legge sull’Autonomia: il Cdm approva all’unanimità

Il Consiglio dei Ministri ha approvato all'unanimità il disegno di legge sull'Autonomia differenziata presentato dal ministro per gli Affari regionali Roberto Calderoli (noto per il suo porcellun) .
[do_widget "HTML personalizzato"]