STABIA – Gelo e termosifoni spenti al Severi

Questa mattina al Liceo Severi sembrava essere al polo nord: termosifoni spenti e aule ghiacciate. Fuori dall’istituto il termometro segnalava 2 gradi e all’interno la situazione non cambiava di molto.

Gli studenti indossavano giubbini, cappelli e sciarpe e qualcuno ha perfino pensato di portarsi un plaid per riscaldarsi. Alunni e professori hanno avuto serie difficoltà nel concentrarsi e nel lavorare in questi modi così barbari. 

Più volte è stata diffusa la voce di una possibile interruzione delle lezioni, finché tutte le ipotesi sono state spente dall’arrivo di una squadra di tecnici pronti per riparare le caldaie. 

L’intera scuola ha provato sollievo all’idea di poter finalmente spogliarsi da cappotti e coperte e di poter sentire il calore dei termosifoni, però la situazione non è cambiata. Alcune aule sono rimaste nel gelo invernale, e altre sono state lievemente riscaldate da termosifoni funzionanti soltanto alle estremità. Insomma, un degrado da condannare!

Al corpo studentesco è stato così permesso di uscire alle ore 12:00, nella speranza che i giorni successivi saranno pieni di calore..

Episodi simili sono avvenuti allo Sturzo e al Vitruvio di Castellammare, ma con un impatto più violento, attraverso scioperi e manifestazioni.

Redazionehttps://vivicentro.it
Siamo la redazione. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Commenta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbe interessare

ViviCentro TV


Ultime Notizie

Aggiornamento terremoto in Turchia e Siria: oltre 8.300 morti

Il terremoto in Turchia e Siria ha causato molte vittime. Secondo le fonti, il bilancio delle vittime è già più di 8.300 ed è stata devastata un'area di 450 chilometri. Tra le vittime c'è anche una studentessa turca della Sapienza.