11 C
Castellammare di Stabia
domenica, Aprile 11, 2021

Morto Lello Grigi: cabarettista e storico tifoso delle vespe

Da leggere

b215a74a0762fd4dbf2ae7baa0f93c59?s=120&d=mm&r=g
Giovanni Matrone
Nato a Castellammare di Stabia, il 20 marzo 1971. Diplomato in Informatica all'Istituto Tecnico Statale "R.Elia" di Castellammare di Stabia ho conseguito la laurea in “Scienze della Pubblica Amministrazione” presso la Link Campus University e successivamente quella magistrale in "Studi Strategici e Scienze Diplomatiche". Impiegato presso Giunta Regionale della Campania - Direzione Generale Istruzione, Formazione, Lavoro e Politiche Giovanili. Iscritto all'ordine dei giornalisti pubblicisti della Campania.

Autore di diverse canzoni dedicate allo Stabia tra cui “un due e tre teng o sang gialloblè”

Lutto nel mondo artistico stabiese, è deceduto dopo una settimana dal ricovero ospedaliero in seguito ad un’ischemia celebrale, il cabarettista e tifoso dello Stabia Catello GRIMALDI in arte Lello GRIGI.

Lello, ultimo di nove figli, ha dedicato tanto della sua vita al modo dello spettacolo in veste di cabarettista duettando inizialmente con lo storico e divertente macchiettista stabiese Ciccio Vascuotto prima e con Baldassarre poi.

Molto viscerale era l’amore per il suo Stabia, sempre presente sulle scalee del vecchio campo San Marco prima e successivamente nella tribuna Varano poi.

Ha condotto più di un format dedicato alle vespe di Castellammare, dove associava calcio e spettacolo, ma su tutti va menzionato quello del 1993 che andava in onda sull’emittente libera napoletana Tele A la cui sigla era la famosa canzone “Un due e tre teng o sang gialloblè” che in quel periodo spopolò tra i tifosi delle vespe del compianto Roberto Fiore a cui era anche affettuosamente e simpaticamente dedicata.

Successivamente, nel 2011 dedicò alla Juve Stabia la canzone dal titolo “Lo Stabia pigliatutto” per osannare il team di Piero Braglia per aver vinto la Coppa Italia di serie C prima e la conquista della serie B due mesi dopo.

Gianfranco Piccirillo - Stabia Amore

Altra canzone dal titolo “Inno alla Juve Stabia” la compose ed interpretò nel 2013, molto toccanti, sono le parole che cita nel suo motivetto: “la Juve Stabia è una realtà prima che chiudo gli occhi io godo lo so già”.

Tanti i messaggi di cordoglio sulle pagine facebook stabiesi, tra questi riportiamo quelle del presidente dell’associazione sportiva socio-culturale Gianfranco Piccirillo (foto) che negli anni novanta negli studi dell’emittente libera locale radio Boomerang, aveva avuto più volte ospite Lello nella sua trasmissione dedicata allo Stabia.

Queste le parole riportate da Piccirillo dalla sua pagina facebook: “Conosco Lello dai tempi di radio boomerang, un grande cabarettista, ma anche attore e compositore di canzoni come la celeberrima un due tre, tengo o sangue gialloble’, che dimostra anche il suo grande tifo per il nostro Stabia. La sua scomparsa rattrista tantissimo come il fatto di non poter incontrare i familiari e gli amici a causa dell’emergenza sanitaria. Gianfranco Piccirillo e l’associazione StabiAmore esprimono il loro cordoglio per la grave perdita e si stringono virtualmente attorno la sua  famiglia e gli amici. –  R.I.P. Lello”.

Grazie Lello ed ora canta insieme agli angeli le canzoni del tuo Stabia.

Giovanni MATRONE

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto. E’ possibile richiedere autorizzazione scritta alla nostra Redazione. L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo.

 

 

 

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio


Ascolta con un altro player
Winamp, iTunes Windows Media Player Real Player QuickTime

Sponsor

Ultime Notizie

- Pubblicità -