Il Mattino – L’ex procuratore FIGC: “Chiesi l’audio VAR di Inter-Juve, mancava solo episodio Pjanic”

“Il file della conversazione mi fu dato l’anno dopo” E’ una terribile quanto clamorosa dichiarazione...

LEGGI ANCHE

“Il file della conversazione mi fu dato l’anno dopo”

E’ una terribile quanto clamorosa dichiarazione quella dell’ex procuratore della FIGC Giuseppe Pecoraro che, a distanza di due anni torna a parlare dell’episodio che potrebbe esser costato lo scudetto al Napoli di Maurizio Sarri: l’entrata killer di Miralem Pjanic su Rafinha che poteva valere la seconda ammonizione, e quindi l’espulsione, per il calciatore serbo.

Ecco quanto scritto dall’edizione odierna de Il Mattino:
“Ci sono stati momenti complicati, ma è stata la direzione di Orsato in Inter-Juventus che mi ha portato ad avere delle tensioni con il mondo arbitrale. Avevo avuto degli esposti, sottoscritti, di associazioni, tifosi, organizzazioni sul suo operato e per non sbagliare chiesi anche ai miei vice se era il caso di aprire o no un procedimento. Io non credo che avremmo trovato prove di malafede e chiesi all’Aia prima e poi alla Lega, ai soli fini conoscitivi, i dialoghi audio-video tra Var e arbitro di quella partita. Insistetti: fateceli consultare, altrimenti che Procura federale siamo? Ce li diedero solo a inizio del campionato successivo. Ma lì ci fu la sorpresa. Apriamo il file e l’unico episodio in cui non c’è audio registrato era l’unico che ci importava: quello tra Orsato e il Var che aveva portato alla mancata espulsione di Pjanic. C’erano i colloqui di tutto tranne che di quello. Chiese il motivo? Subito. Mi dissero che non c’era e basta. Io sono certo che non ci sia stato dolo, ma ero obbligato a procedere, anche perché dovevo dare delle risposte a quegli esposti. Alla fine ho archiviato. Ed è per questo che c’è bisogno di maggiore trasparenza”.

Juve Stabia, la sagra dei falli di mano non visti – La Bastonatura

Juve Stabia, inizia ad essere considerevole la lista dei falli di mano non sanzionati in area di rigore avversaria: l'ultimo a Catania
Pubblicita

Ti potrebbe interessare