Giorgio de Angelis e l’arte della poesia…sul Napoli!

de aneglis giorgio

Un tifoso Doc del Napoli, un maestro della penna, un vero e proprio artista della poesia. Giorgio de Angelis ci concede il piacere di poter pubblicare alcune sue poesie:

E TIEMPE ‘E MARADONA
Ll’Arbitre

Io aggiu vissuto all”epoca
ca Diego Maradona,
faceva ‘mpazzì napule
c”ò juoco d”ò pallone.

Screveva ‘ncopp”ò’ prato
quanno tuccav”a palla
in casa fora e all’estero
faceva ‘ncantà ‘e folle.

Ancora oggi so’ certo
ca ogni arbitro aspettava
ca ll’avversario forte
cu”nfamità ‘ò falciava.

E a chillu punto allora
pruvava forte ‘ò gusto
‘e ll’assignà ‘ò rigore
ca riteneva giusto.

Po’ mane aret”a’ schiena
fermo a guderse ‘a scena;
commo stesse in tribuna
pe’ chesta esecuzione.

Pecchè ‘ò purtiere sempe
vulava all”ata parte,
e ‘a palla se fermava
sempe doce ‘int”a porta.

Oggi ‘n’arbitro ‘e chisto
mò ca stà in penzione,
quanno racconta chesto
lle piglia ll’emozione…

…pecchè al par’’e nuie
si parla d’’ò pallone,
pò ddì: “ io aggio arbitrato “
“ il grande Maradona “.
———————————

HIGUAIN

Tu ca viene a’ ll’Argentina
‘o paese ‘e Maradona
tu campione sopraffino
‘stà città t”ha mise ‘ntrono.

Tu pe’ nuie si S.Gonzalo,
viene addò vene Bergoglio,
comm’o Papa si’ speciale,
tu si”e napule ll’orgoglio.

Nun ce stà chiù ‘n’aggettivo
ca te po qualificà,
‘stà città ca pe’ te vive
vò’ ca chiù nun lli à lassà.

Vò ca tu pigli p’’a mano
e cumpagne tuie ‘e ‘stà squadra
è t”è puorte chianu chiano
‘nziem”a te dint’a ‘nu quadro.

Cu”o vesuvio aret’e spalle
dint’e verse ‘e ‘na canzone
ccà,’ò paese ‘e Pulcinella,
mò stà ‘o napoli campione.

P”ò mumento in europa
cu’ ll’orgoglio scritto ‘mpietto,
doppo tre trofei vinciute,
mò Gonzà ci a dà ‘o scudetto.
——————————————

PS. nun da rette si hè sbagliate
‘nu rigore duie o trè,
tu pe nuie si doppo a DIEGO
‘o cuntinuo ‘e chillu Rè….
—————————————–

PEPE REINA

Commo ‘nzierr’’a porta tu,
manch’’a meglia mascatura,
neanche ‘n’ombra ‘e viento mò,
pò passà pe’ chistu muro.

Tire ‘a tutt’’e ddirezione,
ll’avversario, ‘e sta tentanno,
ponn’’usà pur’’ò cannone,
nun c’è vverso ca te fanno.

Ce vulesse ‘nu rigore,
‘n’autogoll ‘e ‘nu terzino,
quacche tiro per errore,
ca arapesse ‘stù fortino.

Ma nun riesce mai a nisciuno,
‘e signà dint’a ‘sta porta,
‘stà difesa mò è tutt’’una,
è pe’ cchesto ca è ‘a chiù forte.

Tu ca ‘e ll’aria di rigore,
si’’o padrone ca cumanna,
fra e purtiere si’’o migliore.
chi t’ha perzo, già te chiamma.

Mò chiù ‘o napule nun sbaglia,
pe’ ll’errore fatt’’aiere;
mò t’ha dato ancora ‘a maglia,
tu si’’ò meglio d’’e purtiere.
————————————–
ps

E’ poichè si’’n’’ommo serio
so’ d’accorde tutte quante,
– cittadino onorario –
fra ‘nu poco te farranno…
————————————-