Quantcast

Roma Serie A SPORT

Obrigado Alisson Becker

Molto amaro. Come l’ultimo mate romano postato sui social da Alisson dalla terrazza di casa sua. Come l’umore di tanti tifosi giallorossi, sedotti e conquistati dalle sue parate e ora abbandonati e in cerca di un nuovo numero uno. Le ultime ore di Alisson Becker a Roma sono state piene di pensieri e ricordi, con la mente che è tornata indietro all’inizio dell’esperienza romana difficile e turbolenta, ma che è servita per farlo diventare quello che è.

Su quella terrazza ha costruito le sue fortune. Lì si è costruito una palestra dove lavorare sul fisico per diventare uno dei portieri più forti del mondo, anche dopo gli allenamenti di Trigoria. Lo ha voluto fortemente Alisson. Ha voluto quel numero uno della Roma e se l’è conquistato, con pazienza e tanta fatica. Le prime trentotto partite di campionato, un’intera stagione, seduto sulla panchina a vedere il compagno Szczęsny giocare. Ci sono voluti pazienza e carattere forte, in tipico animo tedesco e poco brasiliano. Come le sue origini che emergono dai lineamenti, dal cognome e dalla città da cui è nato: Nova Hamburgo. Una cittadina del Rio Grande do Sul, enclave tedesca nell’estremo sud brasiliano. La nonna gli parlava tedesco, forgiando uno spirito duro e coriaceo così come dimostrato sul campo. La mamma, portiere nella squadra di pallamano e il papà in quella del sindacato dei lavoratori, ne hanno segnato la strada tra i pali. Il merito però è stato del fratello, di cinque anni più grande anche lui portiere nell’Internacional. Alisson è cresciuto inseguendo Muriel. Cresciuto tardi in altezza invece e solo dopo i 15 anni è diventato l’omone che oggi incute timore agli attaccanti. “Non mi considero l’ultimo baluardo, ma un difensore che partecipa cerco di fare presenza sugli attaccanti”. Questo è stato l’Alisson portiere a Roma. Determinante e incisivo, al cospetto di un ruolo solitario e marginale, quale quello del portiere. Come disse suo fratello Muriel: “Non andrà allo scontro con la Roma: non gli interessano solo i soldi, se andrà via sarà perché anche ai giallorossi farà comodo”. Faranno comodo i 62,5 (più 10 di bonus) milioni di euro, sarà il portiere più pagato della storia, superati Buffon, Ederson e Neuer. Frutto delle 22 volte nelle quali è uscito imbattuto nelle 49 partite dello scorso anno. Sarà il trasferimento più remunerativo per la Roma. Il secondo Salah è partito sempre per Liverpool la scorsa stagione, ma a 20 milioni in meno. Rimane l’amarezza di veder partire per l’ennesima estate un altro protagonista. Rimane l’amarezza di quel mate, lasciato freddare su quel tavolo della terrazza. Sullo sfondo l’Eur, come in una chiacchierata tra due amici che ci hanno messo un po’ ad esserlo, ma che ora sembrava non volessero salutarsi.

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

-

www.autoparti.it

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania