Quantcast

Banner Gori
Famiglia Carlini Juve Stabia
Wags Stabiesi

Juve Stabia, Cristina Carlini: Castellammare ormai è come casa! Max, sbranali!

Inizia oggi una nuora rubrica targata ViViCentro sulla Juve Stabia: Wags Stabiesi. Ogni settimana conosceremo la moglie o fidanzata di uno dei calciatori delle Vespe.

Prima a farsi conoscere è Cristina Swid, moglie di Max Carlini.

Ciao Cristina, sei la prima ad inaugurare la nostra rubrica. Come vi siete conosciuti tu e Max? Ciao, è un piacere per me! Ho conosciuto Max nella mia città, Frosinone. Pensa, frequentavamo gli stessi luoghi eppure non ci eravamo mai visti poi nella stessa giornata ci siamo incontrati due volte…nella prima ci sorridemmo e nella seconda iniziò a corteggiarmi! Nel frattempo mi dissero che era un calciatore e non avevano una buona nominata i giocatori a Frosinone. Aspettai un po’ ma poi gli diedi una possibilità, quella che mi cambiò la vita!

Se non sbaglio, lo hai sempre seguito nelle tappe della sua carriera. È un aspetto bello spostarsi spesso e conoscere nuovi posti e persone, o sono più le difficoltà a dover spesso ricominciare da capo? Esatto, dopo soli tre mesi di frequentazione andò via dalla mia città e scelsi di seguirlo. Non me ne sono mai pentita, come tutto ha aspetti positivi e negativi, ma per carattere sono molto socievole e curiosa di conoscere nuove realtà. La vivo come un’avventura stimolante! Certo, il trasloco con un bimbo di un mese non è stata la cosa più piacevole del mondo, ma non considererei mai la possibilità di vivere lontana da Max e restare a casa!

Siete arrivati alla Juve Stabia dopo alcune stagioni non facili, in cui le doti di Max erano finite in discussione ma le sue prestazioni con le Vespe hanno zittito le critiche passate. Che gioia è stata la promozione e quale gara ricordi con più emozione? Sì, già le stagioni con la Reggiana furono molto redditizie dal punto di vista personale, nonostante i pochi goal, ma poi qui a Castellammare è stata l’annata magica, quella della rivalsa di tutta una città, quella di una promozione tanto desiderata che ha zittito definitivamente le chiacchiere di qualche incompetente che non credeva potesse reggere i 90 minuti. La partita che ricordo con maggiore emozione è quella in casa contro il Trapani: un goal liberatorio, un’emozione unica!

Da poco più di un anno siete genitori del piccolo Massimo. È vero che va pazzo per i cori della Curva Sud scatenandosi quando li sente? Verissimo! Quando magari fa capricci per mangiare o per dormire basta mettere i cori degli ultras della Juve Stabia e rimane stregato…impressionante! Vede l’intera partita seduto tutto preso dalla curva, riconosce quei colori e quelle canzoni ovunque e guai a mettere cori di un’altra squadra, se ne accorge immediatamente! Del resto lo portai allo stadio per la prima volta a 9 giorni guarda caso proprio contro la Juve Stabia!

A Castellammare vi siete ambientanti benissimo; hai anche partecipato a sorpresa, dal palco, alla festa organizzata dalla Curva Sud. Come vi trovate dal punto di vista familiare nella nostra città? Si, non sapevo niente quella sera, è stato bellissimo parlare davanti a tutti i tifosi! Ci troviamo benissimo, ci siamo perfettamente integrati da subito, soprattutto grazie alla famiglia Santaniello (bar Dolci Momenti): Michele, Cinzia, Alessandro, Luca e tutti gli altri sono diventati la nostra famiglia e ci fanno sentire amati e coccolati come a casa!

Come trascorrete il tempo libero qui? Cosa vi piace in particolar modo di Castellammare e in cosa invece la vorreste diversa? Sicuramente piacevoli le passeggiate in villa, forse non vorrei il caos e il traffico in macchina, ma ormai mi sono abituata anche a quello.

A Perugia hai seguito Max e la squadra portando fortuna. Visti i buoni risultati, sei pronta a farlo per ogni trasferta? Amo andare allo stadio, infatti non ho perso una partita nemmeno con un neonato. Quest’anno ho ricominciato con le trasferte e bimbo permettendo cercherò di essere presente il più possibile! È fondamentale il tifo e molto stimolante, tutti dovrebbero venire allo stadio per supportare i ragazzi!

Che rapporto hai con le altre mogli e fidanzate? Siete unite come lo è la squadra? Davvero molto unite, sono troppo carine ed ho un ottimo rapporto con tutte!

Cosa vuoi dire a Max in vista di un prosieguo di campionato difficile ma avvincente? Amore so quanto vali, sei un giocatore eccezionale dalle mille risorse, oltre ad essere un uomo fantastico, un marito e un papà unico. Io e Massimo saremo sempre al tuo fianco, sbranali!!!

Print Friendly, PDF & Email
loading...

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Canale YOUTUBE Ufficiale

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

WhatsApp chat