Quantcast

Senza categoria

Torre Annunziata, l’amministrazione comunale respinge la sanatoria del CMO

“L’‘Amministrazioen Comunale, giovedì 6 settembre, ci ha comunicato il rigetto della sanatoria, anche condizionata o parziale, dell’immobile di via Roma”

Torre Annunziata – L’amministrazione comunale ha respinto l’istanza di sanatoria per quanto riguarda i locali del CMO ( Centro di Medicina Nucleare), chiesta per proseguire la propria attività e salvare il lavoro a rischio dei 70 dipendenti.

La risposta del CMO non si fa attendere e con tono duro replica:

“L’‘Amministrazioen Comunale, giovedì 6 settembre, ci ha comunicato il rigetto della sanatoria, anche condizionata o parziale, dell’immobile di via Roma destinato all’attività di Medicina Nucleare. La motivazione principale resta la non demolizione di un presunto abuso, consistente un vano di circa 20 mq, per il quale il CMO Centro Polispecialistico ha chiesto per ben sette volte il dissequestro alla Procura per poterlo demolire.

L’impossibilità di eliminare la difformità che non permette di sanare l’immobile – continua il comunicato – non è dipesa dalla volontà, né dall’inerzia della nostra azienda. L’Amministrazione Comunale ha ritenuto di non poter accogliere le soluzioni alternative da noi prospettate, ritenendole non perfettamente conformi alla normativa vigenteLa nostra delusione è duplice: da un lato non è stata compresa la specificità della vicenda, dall’altro per la decisione dell’Amministrazione di acquisire l’intero immobile, di nostra proprietà, al patrimonio comunale. Provvedimento questo, secondo il nostro parere, non solo non conforme al dettato normativo ma del tutto arbitrario. Adiremo le vie legali per far valere le ragioni dell’azienda, dei lavoratori e dei pazienti. Contemporaneamente abbiamo avviato ogni ulteriore percorso nel tentativo di trovare soluzioni idonee a consentire all’azienda di poter superare le difficoltà attuali. Ovviamente, lo stato dei fatti, causato anche dalla mancata collaborazione da parte di chi potrebbe determinare una reale svolta – conclude la nota del CMO -, rende impossibile recedere la procedura di licenziamento collettivo avviata. Confidiamo, come sempre, nelle istituzioni e nella magistratura. Il cuore ci continua a far credere in un lieto fine”

Print Friendly, PDF & Email

SPONSOR

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania