Quantcast

Ph: vincenzosica.com
Sud - politica

Castellammare, Cimmino sceglie Vincenzo Sica come au di Sint

Vincenzo Sica è il nuovo au di Sint

Castellammare di Stabia: Vincenzo Sica è il nuovo amministratore unico della Sint.

Si è svolta oggi a Palazzo Farnese l’assemblea dei soci della partecipata comunale che detiene il patrimonio immobiliare delle Terme.

All’ordine del giorno c’erano la ratifica delle dimissioni dell’amministratore unico Biagio Vanacore, la nomina del nuovo au e la ricomposizione del collegio sindacale che sarà presieduto da Iolanda Concetta Longobardi.

Ecco il comunicato stampa:

 “Convocheremo l’assemblea straordinaria per procedere a liquidare Sint e dar seguito alle indicazioni del commissario. La priorità, in ogni caso, consiste nella salvaguardia del patrimonio immobiliare di Terme e dei livelli occupazionali”

Vincenzo Sica è il nuovo amministratore unico della Sint. Si è svolta oggi a Palazzo Farnese l’assemblea dei soci della partecipata comunale che detiene il patrimonio immobiliare delle Terme. All’ordine del giorno c’erano la ratifica delle dimissioni dell’amministratore unico Biagio Vanacore, la nomina del nuovo au e la ricomposizione del collegio sindacale che sarà presieduto da Iolanda Concetta Longobardi.

“L’assemblea ordinaria ci ha consentito di nominare Vincenzo Sica alla guida della Sint, un professionista di grande spessore, tra i candidati idonei a seguito dell’avviso pubblico per l’individuazione del commissario liquidatore. – sottolinea Gaetano Cimmino, sindaco di Castellammare di Stabia – Abbiamo discusso delle prospettive di Sint, a fronte della delibera di messa in liquidazione emanata dal commissario prefettizio il 5 giugno scorso. La mole debitoria è imponente e aumenta col passare dei giorni. Sint ha perso la sua funzione strategica dopo l’esito negativo del bando di privatizzazione degli immobili della passata amministrazione. I revisori dei conti avevano espresso un parere positivo alla delibera salva-Sint, con la condizione però che alla scadenza del 15 maggio 2018 pervenissero offerte per rilevare le Terme e che entro il 30 settembre 2018 Sint fosse in regola rispetto ai dettami della Madia. Tutto questo non è avvenuto e la messa in liquidazione controllata di Sint appare inevitabile.

Abbiamo provveduto a revocare la determina del 20 febbraio 2018 con cui il Comune affidava a Sint le Antiche Terme e l’ex Caserma Cristallina, col vincolo del buon esito del bando di privatizzazione, che poi non è andato in porto. Abbiamo poi rinunciato al ricorso al Tar presentato per chiedere la sospensione della delibera di messa in liquidazione della Sint. Convocheremo, pertanto, l’assemblea straordinaria per procedere alla messa in liquidazione di Sint e dar seguito alle indicazioni del commissario.

La priorità è la salvaguardia del patrimonio immobiliare delle Terme e dei livelli occupazionali del compendio aziendale. – prosegue Cimmino – Le Terme saranno al centro di progetti che passeranno attraverso una nuova procedura di privatizzazione da discutere ampiamente in consiglio comunale. La mia amministrazione darà un impulso decisivo alla rinascita del termalismo nelle Antiche Terme e a valorizzare il complesso del Solaro”.

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania