Sud - cronaca

Napoli, finisce la latitanza del braccio destro di “O’Pirata”: esponente di spicco dei D’Amico si consegna

S.Taglialatela non è più un latitante: il braccio destro di “O’Pirata” si è consegnato in questura a Napoli. Duro colpo al clan D’Amico

Duro colpo al clan: è finita, dopo una breve latitanza di due settimane, la caccia al braccio destro di S.D’Amico, detto “O’Pirata”, boss dell’omonimo clan. Stando a quanto riferito dalle autorità, S. Taglialatela, 34enne di San Giovanni a Teduccio (Napoli), e ritenuto elemento di spicco del clan D’Amico si sarebbe consegnato alla giustizia. Dopo il tentativo di sfuggire alle autorità, è andato in questura per consegnarsi. Gli inquirenti sono certi che l’uomo era il braccio destro del boss. Taglialatela era stato colpito dalla stessa ordinanza, emessa dalla Dda lo scorso 3 maggio che aveva colpito anche “o’ Pirata”. Nell’ordinanza anche i nomi del nipote del boss, S. Salomone, G. Paduano e l’ex pentito S. Cianniello. Gli indagati sono stati rintracciati e sottoposti alle formalità di rito, prima di essere condotti nel carcere di Secondigliano, in attesa di comparire dinanzi all’autorità giudiziaria.

Tutti sono accusati di associazione di tipo camorristica, estorsione e riciclaggio. Secondo gli inquirenti, questo gruppo potrebbe essere collegato allo scontro in atto da mesi tra il clan Rinaldi-Renale del rione Villa e del rione Pazzigno, e i Mazzarella e i D’Amico di via Nuova Villa a San Giovanni a Teduccio.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Mario Calabrese

Nato a Gragnano, diplomato al Liceo Classico "Plinio Seniore" di Castellammare di Stabia, attualmente iscritto al corso di laurea "Scienze per l'investigazione e la sicurezza" dell'Università degli Studi di Perugia

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Categorie

ViVicentro.it su Google Play Edicola

Google Play store page

Visita la nostra Pagina Facebook

Il nostro YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Aiutaci a darti sempre di più

News Mania