Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Castellammare di Stabia: defunti stabiesi lasciati senza sepoltura

Castellammare di Stabia: defunti stabiesi lasciati senza sepoltura

Scoperti dalla consigliera Annamaria De Simone, 15 defunti stabiesi lasciati senza sepoltura all’interno di un deposito cimiteriale.

Castellammare di Stabia: defunti stabiesi lasciati senza sepoltura

CASTELLAMMARE DI STABIA (NA)- Macabra scoperta al cimitero: 15 defunti stabiesi sono stati trovati senza sepoltura e lasciati all’interno di un deposito cimiteriale.
Il Sindaco Cimmino non ha mancato di definire questa scoperta un vero e proprio scempio indegno di una società civile.
Dignità e decoro per 15 defunti stabiesi rimasti per vent’anni nel più totale anonimato. Una triste scoperta è stata effettuata nel cimitero nelle scorse settimane da Annamaria De Simone, consigliera del gruppo Gaetano Cimmino Sindaco di Stabiae: i resti mortali di alcuni cittadini stabiesi erano stati lasciati senza sepoltura, all’interno di un deposito cimiteriale.
Uno scempio che non può essere definito neanche minimamente degno di una società civile. Grazie all’impegno della consigliera De Simone, abbiamo disposto l’acquisto di alcune cassette di zinco per dare opportuna sepoltura ai 15 defunti, i cui resti possono ora finalmente avere una degna collocazione. Perché ricordare e onorare i nostri morti è un dovere morale, su cui si misura il livello della nostra civiltà. 

Contemporaneamente, a sollevare gli animi, il grande lavoro dei parroci, delle associazioni, Caritas e tutti i volontari che oggi hanno aderito all’iniziativa “Solidali Stabia”, un bel momento di cooperazione tra l’amministrazione comunale, le unità pastorali e tutti i cittadini che hanno donato beni di prima necessità per aiutare le famiglie bisognose. L’appuntamento si ripeterà sabato 12 dicembre.

 

Stéphanie Esposito Perna

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto. E’ possibile richiedere autorizzazione scritta alla nostra Redazione. L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo.