27 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

venerdì, Luglio 1, 2022

Pizza, costi: Margherita 5 euro; smargiassata da Briatore 15 euro

Da leggere

Briatore, provocatore e alla fin fine per niente fine come sempre, scatena un putiferio su una cosa sacra soprattutto per i napoletani: la Pizza.

Pizza, costi: Margherita 5 euro; smargiassata da Briatore 15 euro

Briatore, sulla SUA pizza a 15 euro vs i 5 euro delle altre, a Napoli, si fa Marchese del Grillo e provoca come spesso fa su tante cose.

Ma questa volta, con la Pizza, ha proprio toppato, e alla grande, ed è così che, da provocatore, alla fin fine per niente fine come sempre, scatena un putiferio arrivando fin anche a:

  • Lanciare dubbi, frizzi e lazzi sulla pizza napoletana a 5 euro;
  • Lanciare addirittura la bestemmia con la quale insinua che, oltretutto, la Pizza non è che poi sia veramente napoletana e che, comunque, a Napoli proprio non la sanno fare;
  • Calarsi nei panni di Sordi nella sua parte di Marchese del Grillo arrivando a dire, parafrasandolo: io sono un genio, voi no!

Un po’ come dire, parafrasando Sordi ripeto: io so io e voi non siete un cazzo!

Ora, il fatto è che Sordi era e resta un vero “grande” e per di più sempre signorile e colto.

Briatore? Numquam! E con questa querelle con autoelevazione a “genio” ne da la conferma!

IL CASO

Briatore è finito al centro delle polemiche per le sue margherite a 15 euro, replicando alle critiche semplicemente attaccando le pizze a 5 euro e vantando le sue pizze.

Pizze che lui, il genio, vende anche a 70 euro come, ad esempio dice, quella con il prosciutto spagnolo Pata Negra!

E qui poi, per sostenere la sua tesi, si lancia ad elencare i prezzi delle materie prime che, a suo dire, userebbe:

  • il Pata Negra costa 65 euro al chilo,
  • il prosciutto San Daniele 35,
  •  i pelati Trianese 4,
  • il Gran Biscotto 30-35,
  • la mozzarella di bufala 15.

Per cui dice e si chiede:

A differenza di questi miei amici (??? Ndr: amici come? Da quando? Ma per favore: manteniamo le dovute e debite distanze. La classe non è acqua e non si può comprare) pizzaioli che dicono che è troppo sottile… mentre loro ti danno una mattonata con un laghetto di pomodoro, io chiedo come fanno a vendere una pizza 4-5 euro? 

Cosa ci mettono dentro questi signori?

 Pagano stipendi, affitti, ingredienti, gas, luce, ammortamenti… o ne vendi 50mila o ci sta qualcosa che non capisco.

Il ragionamento normale è che noi continuiamo a dare un prodotto di altissima qualità ai clienti».

E questo riferimento alle tasse e al quanto “lui” paga è la ciliegina sulla torta viste le svariate sue vicende fiscali che, a suo tempo, una tra le tante, costrinsero, ad esempio, il suo piccolo a vivere veramente male visto che, a seguito del sequestro dello Yacht, il pargolo non dormiva più (come ebbe a lamentarsi la mamma) perché gli mancava il dondolio del mare.

Ma che caro angioletto! Roba da far stringere il cuore!

Ma questo è il passato, si dirà.

Ed allora veniamo al presente sulla scia di una delle dispute che, ogni anno, gridano vendetta e cioè: le concessioni balneari.

Certo, lui, da genio e sentendo il vento della bufera, ha mostrato quasi di essere indignato a pagare così poco (17.000 euro all’anno) per un bene dal valore enorme quale è la resa del Twiga.

Ma intanto questo è quello che paga e continua a pagare (a quanto è dato sapere) lui e la sua “socia” parlamentare che, mentre lui si indigna in spiaggia, lei si indigna in parlamento….

… e gli adeguamenti non passano mai visto che non è che si fanno in spiaggia o con semplici smargiassate, fatte di chiacchiere, ma, appunto, in Parlamento.

Vogliamo andare oltre?

Ma sì, dai, visto che lui oltre è andato lanciandosi anche contro quelli che, secondo lui, non essendo geni, non capiscono che il lavoro è anche sacrificio e gavetta e rifiutano di lavorare alle condizioni offerte.

È assurdo, dice, che ci si imbatta in carenza di personale un po’ ovunque ma proprio, e soprattutto, guarda caso, nel suo settore perché lamentano paghe basse e mancanza di riposo settimanale. (SIC!)

Eppure, elenca lui, le sue paghe vanno intorno ai 2.000 euro mensili:

peccato però che non spieghi per quante ore al giorno e per quanti giorni alla settimana!

Si vede che, per lui, queste sono Bazzeccole, quisquilie e pinzillacchere, come diceva Totò:

frutto, ovviamente, del non essere geni che vogliano mettersi in gioco e far carriera.

Il rimedio? Beh, lui, da genio quale dice di essere, ha anche questo:

sospendere il reddito di cittadinanza durante i “periodi stagionali”.
Quel reddito che tanto rompe le scatole ai geni impedendo loro di prendere, gli altri, per fame!

E poi! Poi c’è l’invidia!

Ma certo, l’invidia, non vogliamo considerarla?

L’invidia è quella cosa che, dice, corrode gli italiani e fa si che questi osino persino andare contro, ad esempio, alla scienza e alla statistica secondo la quale, ad esempio, se lui mangia un pollo intero e l’atro digiuna, ebbene: statisticamente hanno mangiato mezzo pollo a testa!
E questa è statistica, è scienza, mica bazzeccole, quisquilie e pinzillacchere.
E così torniamo a bomba: alla pizza da 5 euro vs quella da 15 a 70 euro e oltre.

Motore di tutte le critiche, attacca a dire, è sempre l’invidia:

«Quando in Italia hai successo trovi questa rabbia contro il successo, il rancore. Perché l’Italia è rancorosa e gelosa. Voglio proprio vedere quelli dei 4 euro a pizza quante ne fanno»

(ndr: qui il genio, per meglio far quadrare i suoi conti ed il suo dire, scende da 5 a 4 euro ma sì, tanto, un euro in più uno in meno, cos’è se non ancora altra bazzeccola, quisquilia e pinzillacchera).

Comunque sia: Sic dicit genius!

E noi che possiamo fare e dire?

Un’ideuzza io l’avrei passando da Totò ad un altro VERO grande: Eduardo De Filippo; indi, nel chiudere e nel salutare, vi lascio prima con ‘o pernacchio di Eduardo:

Poi passo a Battiato con Povera Patria:

E, per chiudere veramente, passo ancora a Totò ed alla sua incommensurabile poesia (che qui ben si adatta): ‘A livella

IL TESTO della Poesia:

Ogn’anno,il due novembre, c’é l’usanza per i defunti andare al Cimitero.

Ognuno ll’adda fà chesta crianza; ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn’anno,puntualmente,in questo giorno, di questa triste e mesta ricorrenza, anch’io ci vado,e con dei fiori adorno il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’é capitato ‘navventura…

dopo di aver compiuto il triste omaggio.

Madonna! si ce penzo,e che paura!,

ma po’ facette un’anema e curaggio.

‘O fatto è chisto,statemi a sentire:

s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:

io,tomo tomo,stavo per uscire buttando un occhio a qualche sepoltura.

“Qui dorme in pace il nobile marchese signore di Rovigo e di Belluno ardimentoso eroe di mille imprese morto l’11 maggio del’31”

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…

…sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;

tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:

cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella, abbandunata, senza manco un fiore;

pe’ segno,sulamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:

“Esposito Gennaro – netturbino”:

guardannola,che ppena me faceva stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo… chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!

Stu povero maronna s’aspettava ca pur all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero, s’era ggià fatta quase mezanotte,

e i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,

muorto ‘e paura…nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?

Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…

Penzaje: stu fatto a me mme pare strano…

Stongo scetato…dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia;

era ‘o Marchese: c’o’ tubbo,’a caramella e c’o’ pastrano;

chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;

tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…

‘omuorto puveriello…’o scupatore.

‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:

so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo, quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,

s’avota e tomo tomo.. calmo calmo, dicette a don Gennaro:

“Giovanotto! Da Voi vorrei saper, vile carogna, con quale ardire e come avete osato di farvi seppellir, per mia vergogna, accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, si, rispettata, ma Voi perdeste il senso e la misura;

la Vostra salma andava, si, inumata; ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso la Vostra vicinanza puzzolente,

fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso tra i vostri pari, tra la vostra gente”

“Signor Marchese,nun è colpa mia, i’nun v’avesse fatto chistu tuorto;

mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria, i’ che putevo fa’ si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,

pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse e proprio mo,obbj’…

‘nd’a stu mumento mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.

“E cosa aspetti, oh turpe malcreato, che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?

Se io non fossi stato un titolato avrei già dato piglio alla violenza!”

“Famme vedé..-piglia sta violenza…

‘A verità, Marché, mme so’ scucciato ‘e te senti;

e si perdo ‘a pacienza, mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…

Ma chi te cride d’essere…nu ddio?

Ccà dinto,’o vvuo capi,ca simmo eguale?…

…Muorto si’ tu e muorto so’ pur’io;

ognuno comme a ‘nnato é tale e quale”.

“Lurido porco!… Come ti permetti paragonarti a me ch’ebbi natali illustri, nobilissimi e perfetti, da fare invidia a Principi Reali?”.

“Tu qua’ Natale…Pasca e Ppifania!!!

T”o vvuo’ mettere ‘ncapo… ‘int’a cervella che staje malato ancora e’ fantasia?…

‘A morte ‘o ssaje ched”e?…è una livella.

‘Nu rre, ‘nu maggistrato, ‘nu grand’ommo, trasenno stu canciello ha fatt’o punto c’ha perzo tutto, ‘a vita e pure ‘o nomme: tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssenti…nun fa’ ‘o restivo, suppuorteme vicino che te ‘mporta?

Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive: nuje simmo serie…appartenimmo à morte!”

Stateve buòno e nun va pigliate, anzi: Pigliateve o buono quanno ve vene, ca o malamente nun manca maje

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy