26.3 C
Castellammare di Stabia

Vivi Radio

giovedì, Maggio 26, 2022

Attacco al premio Nobel Dmitry Muratov: per gli USA è l’intelligence russa

Da leggere

Il redattore di Novaya Gazeta Dmitry Muratov è stato aggredito durante un viaggio in treno russo, il 7 aprile, con vernice rossa mischiata con acetone.

Il governo degli Stati Uniti ha valutato che dietro l’ attacco all’inizio di questo mese contro Dmitry Muratov, vincitore del premio Nobel e importante editore russo che aveva criticato la guerra del Cremlino contro l’Ucraina, c’è l’intelligence russa.

Dmitry Muratov, il direttore del quotidiano russo indipendente Novaya Gazeta, stava viaggiando, il 7 aprile, su un treno da Mosca a Samara, in Russia, quando un aggressore lo ha attaccato con una miscela di vernice rossa e acetone, bruciandogli gli occhi con la sostanza chimica.

L’intelligence statunitense ha concluso che l’assalto è stato opera dell’intelligence russa.

Il funzionario non ha fornito alcun dettaglio su come l’intelligence statunitense fosse arrivata a fare tale valutazione, adducendo la necessità di proteggere fonti e metodi.

«Gli Stati Uniti possono confermare che l’intelligence russa ha orchestrato l’attacco del 7 aprile al caporedattore di Novaya Gazeta, Dmitry Muratov, in cui è stato spruzzato con vernice rossa contenente acetone»,

ha affermato il funzionario statunitense in una nota.

Muratov non è stato immediatamente disponibile a commentare la valutazione dell’intelligence statunitense perché era in viaggio, ha detto un portavoce di Novaya Gazeta.

Muratov, che l’anno scorso è stato insignito del Premio Nobel per la pace insieme alla giornalista filippina Maria Ressa, si è espresso in modo oscillante dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato la sua guerra contro l’Ucraina il 24 febbraio.

L’editore 60enne ha chiesto un ampio movimento contro la guerra, ha affermato che gli ucraini non erano nemici della Russia e ha pubblicato un numero di Novaya Gazeta sia in russo che in ucraino nel quale un gigantesco titolo in prima pagina diceva: “La Russia sta bombardando l’Ucraina”.

Alla fine di marzo, dopo il primo avviso, l’autorità di regolamentazione delle comunicazioni del paese ha inviato un secondo avvertimento a Novaya Gazeta con il quale si minacciava la perdita della licenza per i media.

Di conseguenza, l’editore ha annunciato che avrebbe sospeso le operazioni in Russia fino alla fine del conflitto.

Il giornale ha fatto un’eccezione il 12 aprile per pubblicare un’indagine sull’attacco a Muratov.

Il premio Nobel è riuscito a fotografare il suo aggressore prima che l’uomo fuggisse nella stazione ferroviaria di Kazansky di Mosca, dove il treno era in attesa di partire quando è avvenuto l’incidente.

Nella sua indagine, il giornale ha identificato il sospetto aggressore come Nikolai Trifonov, un russo di 41 anni con rapporti in circoli nazionalisti e veterani, inclusa la prestigiosa Università statale di Mosca.

Il giornale ha anche riferito che aveva usato altri nomi in passato. Non è stato possibile contattarlo per un commento.

L’aggressore ha agito al fianco di un altro uomo che stava filmando l’attacco mentre avveniva.

A poche ore dall’incidente, un video dell’attacco è apparso sul canale militare filo-russo “Unione Z dei paracadutisti” sul servizio di messaggistica di Telegram.

Un messaggio di accompagnamento ha minacciato di punizione i russi come Muratov per aver sostenuto l’Ucraina.

“Verremo per ognuno di voi, aspettate!!!” diceva il messaggio.

Il post è stato cancellato il giorno successivo.

L’indagine del giornale non ha collegato nessuno degli aggressori all’intelligence russa che ha un track record per inseguire i critici del Cremlino quando viaggiano in Russia.

La figura dell’opposizione Alexei Navalny, ad esempio, è stata avvelenata nell’agosto 2020 poco prima di salire a bordo di un aereo per tornare a Mosca dalla città siberiana di Tomsk.

L’organo investigativo online Bellingcat ha identificato gli avvelenatori di Navalny come agenti dell’intelligence russa e ha trovato casi in cui avevano seguito altri critici del Cremlino nelle province russe per avvelenarli.

L’attacco del 7 aprile a Muratov è arrivato in mezzo a un’ondata di intimi-dazioni simili contro altri giornalisti e critici del governo.

Un certo numero di giornalisti di Novaya Gazeta ha lanciato Novaya Gazeta Europe , che pubblica online fuori dal paese in russo e inglese.

Nadezhda Prusenkova, portavoce di Novaya Gazeta, ha affermato che la pubblicazione europea è un progetto separato e autonomo gestito dall’editore politico di lunga data della Novaya Gazeta Kirill Martynov, estraneo a Muratov o al quotidiano di punta russo.

Ha detto anche che Muratov non lascerà la Russia e prevede di riprendere la pubblicazione del quotidiano russo una volta che Mosca avrà annunciato la fine delle operazioni militari in Ucraina.

Lo staff di Novaya Gazeta ha subito attacchi, omicidi e minacce negli anni dalla fondazione del giornale nel 1993, ma questa è la prima volta che il giornale è costretto a sospendere la pubblicazione.

Sei membri dello staff di Novaya Gazeta sono stati uccisi dal 2000 al 2009, inclusa la giornalista Anna Politkovskaya, che è stata uccisa nell’ascensore del suo condominio di Mosca nel 2006.

Muratov ha dedicato il suo Premio Nobel per la Pace a quei membri dello staff del giornale che hanno perso la vita a causa del loro lavoro.

Metti “mi piace” alla nostra pagina Facebook!

Cristina Adriana Botis / Redazione

Fonte: Paul SonneMaria Iluscina / The Washingtonpost/
Foto: Dmitry Muratov (di AFP tramite Getty Images)sempre dal Washington Post

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ViviCentro TV


Ti potrebbe interessare

Vivi Radio

Ultime Notizie

- Pubblicità -
Cambia Impostazioni della Privacy