OPERA PRIMA AMARONE: Al Palazzo della Gran Guardia di Verona

La Gran Guardia, palazzo storico terminato nel 1853, luogo di rassegna dei militari nei giorni di mal tempo ha ospitato l’Opera Prima Amarone

LEGGI ANCHE

La Gran Guardia, palazzo storico ideato nel 1500, la cui edificazione è terminata nel 1853, adibito a luogo di rassegna delle truppe militari durante i giorni di mal tempo ha ospitato l’Opera Prima Amarone.

Una sfilata di 64 aziende hanno celebrato il millesimo 2018 del re della Valpolicella, il protagonista di Amarone Opera Prima a Verona, al Palazzo della Gran Guardia – all’ombra dell’Arena -, il 4 e il 5 febbraio.

Organizzato dal Consorzio vini Valpolicella, l’evento di punta della denominazione è tornato così alla tradizionale collocazione invernale, mantenendo però il restyling del nome dell’anteprima straordinaria del giugno scorso a beneficio di un format versatile realizzabile anche fuori stagione, seppure con focus tematici diversificati.

In apertura della due giorni di Amarone Opera Prima a Verona, città che detiene il primato del vigneto urbano più esteso dello Stivale, la conferenza stampa inaugurale tenutasi sabato 4 febbraio, presso l’Auditorium del palazzo della Gran Guardia con la presentazione dei dati di mercato della denominazione, il valore del ricambio generazionale e prospettive dell’enoturismo in Valpolicella a cura del presidente del Consorzio, Christian Marchesini, e dell’annata viticola 2018 introdotta da Giambattista Tornielli, professore associato di Arboricoltura generale e coltivazioni arboree dell’Università scaligera.

A seguire i riflettori sono stati puntati sull’ultimo step della candidatura della tecnica secolare dalla messa a riposo delle uve della Valpolicella a patrimonio immateriale dell’Unesco, con i contributi di Pier Luigi Petrillo, professore e direttore della cattedra Unesco sui Patrimoni culturali immateriali dell’Università Unitelma Sapienza di Roma e di Elisabetta Moro, professoressa ordinaria di Antropologia culturale dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.

I partecipanti alla conferenza stampa dell’Opera Prima Amarone

Alla conferenza stampa sono intervenuti Francesco Lollobrigida, ministro dell’Agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste, Adolfo Urso, ministro delle Imprese e del made in Italy, Gianmarco Mazzi, sottosegretario al ministero della Cultura, Luca Zaia, presidente della Regione Veneto e Damiano Tommasi, sindaco di Verona.

Dopo le call to action sul territorio realizzate l’anno scorso dal Comitato promotore (di cui il Consorzio è coordinatore) l’iter della candidatura entra ora nella fase finale con la presentazione ufficiale del dossier che successivamente sarà trasmesso ai ministeri della Cultura e dell’Agricoltura e alla Commissione nazionale per l’Unesco (organismo interministeriale che fa capo al ministero degli Affari esteri),  che entro il 30 marzo dovrà scegliere la candidatura italiana da inviare a Parigi per la complessa valutazione da parte dell’Unesco.

Le degustazioni presso gli stand delle aziende riservate alla stampa nazionale e internazionale hanno preso il via sabato 4 febbraio all’ora di pranzo mentre nel tardo pomeriggio sono stati aperti  i battenti  anche agli operatori e ai winelover cosi anche il giorno successivo, domenica 5 febbraio.

Valpolicella Depositphotos_450469016_L-min

Consorzio per la Tutela dei Vini Valpolicella

Oltre 2400 aziende tra viticoltori, vinificatori e imbottigliatori su un territorio di produzione che si estende in 19 comuni della provincia di Verona, dalla Valpolicella fino alla città scaligera che detiene il primato del vigneto urbano più grande dello Stivale, 8600 ettari di vigneto e un giro d’affari di oltre 600 milioni di euro, di cui più della metà riferiti alle performance dell’Amarone.

È l’istantanea del Consorzio per la tutela dei vini Valpolicella che, con oltre l’80% di rappresentatività, tutela e promuove la denominazione in Italia e nel mondo.

Tre le aree che identificano l’ampia superficie di produzione: la zona Classica, (Sant’Ambrogio di Valpolicella, San Pietro in Cariano, Fumane, Marano e Negrar); la zona Valpantena, comprendente l’omonima valle; la zona DOC Valpolicella, con Verona, Illasi, Tramigna e Mezzane.

Le varietà autoctone che danno vita ai vini delle denominazioni vini Valpolicella sono: Corvina, Corvinone, Rondinella e Molinara.

I vini della denominazione sono il Valpolicella doc, il Valpolicella Ripasso doc, l’Amarone della Valpolicella e il Recioto della Valpolicella entrambi docg.

Precedenti: Virtus Francavilla-Juve Stabia sono 6 in campionato

Precedenti: dal sette febbraio 2021 i gialloblù non vincono a Francavilla Fontana, Francesco Orlando siglò la rete della vittoria.
Pubblicita

Ti potrebbe interessare