Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Castellammare di Stabia: in vendita il Supercinema causa CRISI

Castellammare di Stabia: in vendita il Supercinema causa CRISI Firmata ordinanza inerente ai nuovi orari dei cimiteri Situazione Covid-19: contagio continua ma nessun focolaio Salgono i contaggi nel Messinese, secondo caso a Francavilla di Sicilia

La Crisi Economica causata dalla pandemia ha determinato la decisione di disporre la messa in vendita del Supercinema, il messaggio da StabiAmore.

Castellammare di Stabia: in vendita il Supercinema causa CRISI

StabiAmore su vicenda Supercinema
L’associazione StabiAmore apprende con dispiacere che la proprietà del Supercinema, storico Teatro e Cinema stabiese, ha deciso di mettere in vendita la struttura a causa della crisi economica che ha coinvolto pesantemente, tra gli altri, anche il settore dello spettacolo.

StabiAmore, da sempre sensibile a tutti i temi culturali cittadini, ritiene che il Supercinema abbia rappresentato un importante punto di riferimento per la società civile stabiese, e che tale preziosa esperienza non vada dispersa, ma anzi debba essere assolutamente salvaguardata.

Pertanto facendo seguito alla proposta del Consigliere Comunale Andrea Di Martino, il quale ha sollecitato il Comune affinchè acquisisca in tutto o in parte il Supercinema, StabiAmore propone di attivare anche lo strumento dell’azionariato popolare per rilevare una quota della struttura, in affiancamento a quella maggioritaria eventualmente comunale.

In tal senso ci trova d’accordo pure la proposta del Dr. Francesco Somma, che in un appello al ministro per le attività culturali Franceschini e al presidente della Giunta Regionale della Campania De Luca ha espressamente richiesto di non far cambiare la destinazione d’uso dell’immobile, nello spirito di conservare un luogo fisico per la cultura soprattutto teatrale nell’interesse della collettività stabiese.

L’associazione StabiAmore, come già fatto nei mesi scorsi con la lettera aperta alla Juve Stabia, ritiene un fatto importante che i beni più preziosi della città siano diffusamente partecipati dagli stabiesi non solo come fruitori di sport e cultura, ma anche come proprietari.

A nostro parere è necessaria una rivoluzione copernicana che veda il cittadino soggetto attivo delle realtà culturali per sostenerle in modo concreto, come peraltro avviene in tante altre città europee.

Direttivo Ass.ne StabiAmore