A Palermo la P.M. in collaborazione con i CC, durante dei controlli nei luoghi della movida
A Palermo la P.M. in collaborazione con i CC, durante dei controlli nei luoghi della movida

Applicazione custodia cautelare da parte dei Carabinieri

I Carabinieri del Nucleo Investigativo hanno provveduto all’applicazione di custodia cautelare nei confronti di un complice di omicidio

Colpo importante messo a segno dai militari nella lotta alla criminalità organizzata

 

Il provvedimento

 

I Carabinieri della stazione di Caserta hanno dato applicazione di una misura cautelare per ordine della DDA nei confronti di Maurizio Zammariello, membro del clan dei Casalesi e fortemente sospettato dell’omicidio di Crescenzo Laiso, avvenuto il 20 aprile 2010.

In quell’occasione, la vittima è stata raggiunta da una motocicletta mentre si trovata alla guida di una smart; l’uomo ha cercato di fuggire abbandonando il veicolo, ma è stato travolto da una raffica di proiettili che non gli ha lasciato scampo.

 

Le indagini

 

L’autopsia ha confermato che la scarica di ben 13 proiettili è stata la vera causa della morte; per l’omicidio sono stati già stati arrestati Nicola Schiavone, Francesco Barbato e Mario Iavarazzo, ormai tutti collaboratori di giustizia assieme a Mirko Ponticelli, Nicola Della Corte e Bartolomeo Cacciapuoti.

Le indagini a carico della Procura della Repubblica, hanno permesso di trovare prove a sufficienza per trovare e mettere in manette tutti i responsabili dell’omicidio.

 

Applicazione custodia cautelare da parte dei Carabinieri/Antonio Cascone/redazionecampania

Ascolta la WebRadio