Napoli, si valuta l’esonero di Mazzarri: contro il Barcellona sarà decisiva

Dopo il pareggio contro il Genoa, in casa Napoli si valuta il possibile esonero di Mazzarri. Sarà decisiva la sfida contro il Barcellona

LEGGI ANCHE

Ore di riflessione in casa Napoli sulla posizione di Walter Mazzarri: mai come in questa circostanza, infatti, l’allenatore azzurro rischierebbe l’esonero. Il presidente ADL continua a riflettere e ad analizzare le possibili alternative ma, al momento, una cosa sembra esser certa: i risultati conquistati da Mazzarri non stanno dando i frutti sperati. Da quando siede sulla panchina azzurra, infatti, Mazzarri ha collezionato 3 vittorie, 6 pareggi (l’ultimo contro il Genoa) e 8 sconfitte. Numeri che pesano e anche tanto sulla figura dell’allenatore italiano potrebbe davvero, in caso di risultato poco positivi questo mercoledì contro il Barcellona in Champions, rischiare l’esonero. Qualora si applicasse questa soluzione, per il Napoli si tratterebbe del secondo cambio in panchina, dopo l’addio di Garcia maturato lo scorso novembre.

Napoli, da Giampaolo a Calzona: i nomi in caso di esonero di Mazzarri

La domanda, ovviamente, nasce spontanea: in caso di esonero di Mazzarri, chi potrebbe essere il nuovo allenatore del Napoli? Diversi i nomi che circolano in queste ore: si passa da Giampaolo alla coppia Calzona-Hamsik, attualmente alla guida della Slovacchia. Non si esclude, inoltre, un possibile ritorno alla figura di Cannavaro, considerata già durante l’esonero di Garcia. Al momento, però, nessuna decisione è stata presa: ADL pensa e scruta un possibile nuovo cambio. Serve la scossa che è attesa questo mercoledì. Contro il Barcellona, in quella che sarà la prima delle due gare contro i blaugrana, Mazzarri si ritroverà già di fronte a un bivio con un’unica strada da dover percorrere: convincere e, quantomeno provare, a vincere.

Mercoledì il momento decisivo

Nonostante i risultati non convincano, Mazzarri è certo di avere i giocatori dalla propria parte. L’allenatore azzurro lo ha sottolineato più volte in conferenza stampa: sa che i giocatori sono con lui e spera in una possibile scintilla. Proprio quella che servirebbe per poter permettere al Napoli di cambiare rotta per ripartire in campionato che, al momento, vede una possibile qualificazione alla prossima Champions sempre più lontana.

Ponte sullo Stretto: 239 Domande e Sfide Ambientali

Il governo affronta 239 interrogativi sul Ponte sullo Stretto, sollevati dal ministero dell'Ambiente, riguardanti le sfide ambientali e altro
Pubblicita

Ti potrebbe interessare