Iervolino: “Importante dare continuità ai risultati”
Iervolino: “Importante dare continuità ai risultati”
P.h. Franco Trani

Iervolino: “Abbiamo avuto pazienza. Dovevamo fare gol prima”

Ultimo aggiornamento:

DOPO GARA ISCHIA-SANT’ANTONIO ABATE: per il tecnico isolano l’entusiasmo è alla base di tutto

Simone Vicidomini– L’Ischia riesce a venire a capo dal match contro il Sant’Antonio Abate mettendo a segno due gol nei minuti finali della partita. Isolani padroni del campo per l’intero arco della gara con tante occasioni da gol create. “E’ una partita che immaginavamo che dovesse prendere questo andazzo- dichiara Iervolino-. Loro si intanavamo per poi ripartire sulla punta centrale loro. Abbiamo creato l’inverosimile dal punto di vista delle occasioni da gol, tiri in porta. E’ stato fatto con vemenza e tanta voglia. Non abbiamo fatto gol in quelle circostanze e su questo ci lascia l’amaro in bocca. Fortunatamente abbiamo avuto la pazienza, perché di quello avevamo bisogno, di aspettare il momento propizio perché il gol poteva arrivare da un momento all’altro. Ho detto ai ragazzi che le partite si possono vincere anche al 95’ perché bisogna stare sempre in partita”.

Un’Ischia super impegnata con l’impegno della Coppa Italia in settimana e poi la partita di campionato, si pensava ad un calo, invece la squadra ha dimostrato una grande prova di maturità? “Si quest’oggi è stata una prova di maturità nel gestire una partita complessa per altre motivazioni. Complessa per il modo di come giocava il nostro avversario e che venivamo da tre partite in appena sei giorni. Il primo tempo anche se non abbiamo sbloccato il punteggio, i ragazzi stanno bene, sono sempre in palla e forse qualcuno in alcuni momenti può andare oltre tipo a pochi minuti dalla fine della partita.

Sono arrivati i tre punti meritati, però c’è da dire che oggi il direttore di gara ha condizionato abbastanza l’andamento della gara con due rigori non dati e un’espulsione ai danni di Filosa anche se il giocatore in quel frangente ha peccato di ingenuità. Il tecnico isolano preferisce parlare di altro-. “Abbiamo fatto bene, abbiamo preso i tre punti e questa era la cosa principale. Ora forse staremo qui a parlare di episodi ed altro se non avessimo portato a casa la vittoria. Godiamoci la vittoria”.

Nel finale abbiamo visto uscire Castagna dal campo che zoppicava, le sue condizioni quali sono? “Purtroppo piove sul bagnato. E’ uscito perché un avversario gli è caduto sulla caviglia. La speranza e che tutto posso rientrare regolare martedì alla ripresa degli allenamenti”.

Ischia capolista, in virtù del pareggio della Puteolana contro il Mondragone. Qual è l’entusiasmo del gruppo? Iervolino ci tiene a precisare-. “L’entusiasmo deve esserci sempre, quello che dobbiamo imparare ad avere è un entusiasmo anche quando giochi male o perdi e questo che ci dà la forza di fare qualcosa di bello. Siamo primi è vero ma non abbiamo fatto assolutamente nulla, dobbiamo continuare a fare questo e a farlo ancora di più ed essere equilibrati. La cosa più importante è proprio avere equilibrio e non esaltarsi quando si vince ma soprattutto quando si perde ed essere distruttivi. Ora è giusto che i ragazzi si prendano la loro soddisfazione di essere primi in classifica ma già da domani bisognerà pensare alla prossima partita”.

Il gioco dell’Ischia è sembrato a tratti fraginoso con Trofa adattato in quella posizione e con un Sogliuzzo non ancora al meglio? Il tecnico non è assolutamente d’accordo e replica-. “Vedo che la squadra ha fatto un grande possesso aggiunge Iervolino- con rotazioni ed interscambi in fascia e non ha dato mai riferimenti di ruolo all’avversario. E’ normale che in alcune situazioni l’avversario si rintana lì dietro e devi essere bravo a stanarlo. Ai ragazzi non gli si può imputare nulla, forse solo per non aver segnato prima con tutte quelle occasioni da gol create”.

Non si è andato ad affrontare l’avversario con solerzia? “L’abbiamo detto poc’anzi. La squadra è arrivata tantissime volte davanti alla porta e forse dovevamo fare gol prima, con più forza, cattiveria, vemenza e pragmatismo. Ci sta però dopo tre partite, ma anche in virtù quando ti mancano quei 4-5 giocatori importanti devi trovare delle soluzioni ed oggi i ragazzi le hanno trovate- chiosa Iervolino”.

Ascolta la WebRadio